giovedì, Ottobre 29, 2020

Il Calderone è nudo

Calderone

La fine del ghiacciaio del Calderone sugli Appennini, il più meridionale d’Europa, è avvenuta già quasi vent’anni fa, quando la sua massa ghiacciata si è spezzata in due: una parte superiore e una inferiore. Dall’inizio degli anni Duemila, quindi, non si può nemmeno più parlare di ghiacciaio ma di “glacionevato”: un accumulo di ghiaccio di ridotta superficie e di limitato spessore, dove anche se d’inverno nevica abbondantemente d’estate la fusione è così veloce che la massa ghiacciata si riduce comunque.
Legambiente ha voluto organizzare una veglia funebre anche qui, sul versante nordest del Gran Sasso, per rafforzare il messaggio sull’urgenza di agire per fermare il cambiamento climatico. «Abbiamo scelto di ritrovarci sul Calderone, un luogo carico di significato, perché rappresenta la grande fragilità di alcuni ecosistemi particolarmente esposti al riscaldamento globale», afferma Enrico Stagnini, presidente del circolo Legambiente de L’Aquila.
A differenza che sulle Alpi, per tutta la stagione calda il Calderone non raggiunge lo zero termico, cioè l’altitudine al di sopra della quale la temperatura dell’aria è inferiore a zero. Solo il fatto di essere all’ombra di alte pareti aveva permesso l’esistenza del ghiacciaio, ma ormai l’aumento della temperatura è tale che non è più possibile mantenere l’equilibrio del ghiacciaio, che è appunto diventato un glacionevato. Ha perso cioè la capacità di modellare il terreno che hanno i ghiacciai, grandi masse in movimento che come fiumi lentissimi disegnano il territorio.
Alla fine dello scorso inverno sul Calderone si era accumulata molta neve, fino a 7 metri, ma durante i mesi estivi è completamente sparita. «L’alternarsi di stagioni calde ad altre più fredde è normale, ma osservando i trend di lungo termine l’aumento della temperatura è inequivocabile – precisa Stagnini – e anche se purtroppo non ci sono molti studi sul ghiacciaio del Gran Sasso il confronto visivo con le foto storiche, dagli inizi del secolo scorso a oggi, non lascia dubbi sulla sua scomparsa».
Finora soltanto gli alpinisti si rendevano conto di questa perdita. Con il suo Requiem, Legambiente ha documentato ciò che resta del Calderone. Il video è disponibile su www.changeclimatechange.it e sul canale Youtube dell’associazione. Così chiunque può rendersi conto dello stravolgimento che sta vivendo anche l’Appennino.

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche all’Università di Trieste. con una tesi sull’Islam nell’isola di Mauritius. Scrive di immigrazione e ambiente dal 2006. collaborando con Vita non profit. La Nuova Ecologia. Repubblica.it. Nel 2010 ha curato "G2 e giovani stranieri in Italia. Politiche di inclusione e racconti". edito da Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e Vita non profit. Come fotografa. nel 2009 ha partecipato alla mostra intitolata “They won’t budge” (“Non si muoveranno”. da una canzone del cantante maliano albino Salif Keita). sugli immigrati africani in Europa. presso la New York University.

Articoli correlati

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,911FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Vaia, due anni dopo: gli alberi schiantati diventano l’edificio in legno più alto d’Italia

Un progetto di social housing a Rovereto: 9 piani per 29 metri, costruito con il prezioso legno degli alberi caduti, grazie al lavoro di aziende certificate PEFC e aderenti alla Filiera Solidale

Ciao Rita

Il Covid-19 ci ha portato via Rita Tiberi ed è un immenso dolore. È stata una colonna portante di Legambiente praticamente da sempre, in...