domenica 16 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

I Rumiti di Satriano

foto dei rumiti al Carnevale Satriano
di ROSSELLA OPPIDO

Sono 131 gli uomini albero, uno per ogni paese della Basilicata, che prendono parte alla Foresta che cammina durante il Carnevale di Satriano. Il borgo, immerso nel cuore del Parco nazionale dell’Appennino lucano, diventa emblema di un messaggio ecologista e protagonista di un’invasione pacifica. Chiunque può diventare rumita per un giorno e riscoprire un rapporto antico e primordiale con la terra. Letteralmente “eremita”, il rumita è un uomo vegetale silente, che la domenica precedente al martedì grasso gira per le strade del paese strusciando il fruscio – un bastone con all’apice un ramo di pungitopo – sulle porte delle case. È il suo modo di bussare. Chi riceve la sua visita rispetta il rigoroso silenzio e, in cambio di un buon auspicio, dona qualcosa. La maschera celebra la figura del satrianese, che a causa dell’indigenza sceglie una vita solitaria, allontanandosi volontariamente dalla comunità. Simbolicamente è la personificazione dello spirito arboreo, che si risveglia al primo sole di febbraio. Memoria profonda del legame fra uomo e natura, il Carnevale segna sin dall’antichità l’inizio della stagione agricola e a Satriano si traduce in una rappresentazione festosa con musicisti improvvisati e canti popolari. Alla maschera dell’eremita si contrappone l’Urs, l’orso, che durante la festa cerca di incutere timore con il suo carattere selvaggio. La Quaresima, invece, lugubre vecchia vestita di nero dal volto spettrale, cammina lenta, piangendo l’imminente fine della festa. La tradizione del rumita, continua a rinnovarsi grazie all’impegno dell’associazione “Al Parco”. Dal 2014 riveste infatti nuovi significati antropologici, abbracciando gli spunti della cineinstallazione Alberi di Michelangelo Frammartino, proiettata al Moma di New York. Dal piccolo borgo lucano, l’uomo ricoperto di fogliame lancia un messaggio ambientalista universale: è necessario ristabilire un rapporto originario con la terra, per rispettare gli uomini e le donne che l’abiteranno in futuro.  

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

Clima, Kerry a Draghi: la leadership dell’Italia è cruciale

Questa mattina a Palazzo Chigi l'inviato speciale del presidente Usa. Al via una stretta collaborazione tra Italia e Usa sulla sfida della decarbonizzazione e dell'emergenza climatica

Per quest’anno l’Italia ha esaurito le risorse

Il nostro overshoot day è stato il 13 maggio. Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto