I movimenti animalisti in Italia

Strategie, politiche e pratiche di attivismo. Un’indagine sociologica che analizza la complessa galassia animalista italiana. L’incontro con l’autore Niccolò Bertuzzi e con Gianluca Felicetti, presidente Lav è il 22 febbraio a Red La Feltrinelli di Roma

Meltemi Bertuzzi Movimenti Animalisti Italia

Il cosiddetto “movimento animalista” italiano, infatti, viene spesso inteso come un unico blocco, anche se in realtà è un intreccio di storie, linguaggi e modalità di azione completamente differenti. Chi si batte per i diritti degli animali nel nostro paese? Chi sono gli animalisti? E gli antispecisti? Un’indagine sociologica analizza la complessa galassia animalista italiana. Dopo “Diritti animali: storia e antropologia di un movimento” (Forum, Udine 2007) di Sabrina Tonutti, Niccolò Bertuzzi prova a raccontarci oggi, il complesso universo dei movimenti animalisti in Italia.
L’incontro con l’autore e con Gianluca Felicetti, presidente LAv è il 22 febbraio a Red La Feltrinelli Roma in Via Tomacelli 23, alle 18.30.

In Italia, l’attenzione verso gli animali è in costante crescita, come si evince dall’interesse di opinione pubblica e partiti politici, e dall’emergere di stili di vita che promuovono una revisione del rapporto con le altre specie. Analizzando questi (e altri) aspetti, il libro si focalizza nello specifico su coloro che si occupano a livello organizzato di benessere, cura, diritti e liberazione animale. Da una parte, emergono alcune caratteristiche generali, come un’ampia maggioranza femminile, titoli di studio medio-alti e una discreta equi-distribuzione in termini professionali. Dall’altra, il volume si concentra soprattutto sulle di fferenze interne a quello che viene comunemente (e semplicisticamente) chiamato “movimento animalista”, omettendone così l’estrema pluralità. Grazie alla somministrazione di una survey, interviste agli attivisti e analisi dei frame, emergono infatti una notevole varietà di strategie, pratiche e riferimenti valoriali, la contemporanea presenza di lobby e conflitto, e la natura complessa di un fenomeno al centro dell’attenzione mediatica ma ancora poco studiato in termini sociologici.

Niccolò Bertuzzi è assegnista di ricerca e membro di COSMOS (Centre on Social Movement Studies) presso l’Istituto di Scienze Umane e Sociali della Scuola Normale Superiore. In precedenza ha ottenuto il dottorato in Sociologia Applicata e Metodologia della Ricerca Sociale presso l’Università Milano Bicocca, e ha studiato nelle Università di Bologna, Torino, Parigi-Sorbonne, Barcellona Pompeu Fabra e Naciónal di Bogotà; ha inoltre partecipato a ricerche presso ISTAT e Università di Milano. I suoi ambiti di ricerca sono la sociologia politica e i movimenti sociali.