venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

I cambiamenti climatici rendono inabitabili i paesi tropicali

A denunciarlo è uno studio dell’Università di Princeton. L’aumento del calore e l’umidità sono letali per gran parte della popolazione mondiale

A lanciare l’allarme stavolta è uno studio dell’Università di Princeton: la crisi climatica sta spingendo le regioni tropicali del pianeta verso i limiti della vivibilità umana, con l’aumento del calore e dell’umidità che minacciano di gettare gran parte della popolazione mondiale in condizioni potenzialmente letali. Circa il 40% della popolazione mondiale vive attualmente nei paesi tropicali: questa percentuale è destinata ad espandersi fino alla metà della popolazione mondiale entro il 2050 poiché qui vivono tantissimi giovani. La ricerca di Princeton si è concentrata sulle latitudini tra i 20° Nord, una linea che attraversa Messico, Libia e India, fino a 20° sud, che attraversa il Brasile, il Madagascar e le regioni settentrionali dell’Australia.

Clima: il pericolo umidità

L’aumento della temperatura nel mondo dovrà essere limitato a 1,5 ° C per evitare che le aree dei tropici superino i 35 ° C a bulbo umido: una temperatura chiamata così perché misurata da un termometro che ha il bulbo avvolto in un panno, imitando la capacità degli esseri umani di raffreddare la pelle facendo evaporare il sudore. La capacità degli esseri umani di regolare il proprio calore corporeo dipende dalla temperatura e dall’umidità dell’aria circostante. La temperatura corporea interna  degli esseri umani è stabile a 37 ° C mentre la pelle è più fresca per consentire al calore di fluire lontano dall’interno del corpo. Ma se la temperatura del bulbo umido supera i 35 ° C, la temperatura elevata della pelle significa che il corpo non è in grado di raffreddarsi, con conseguenze potenzialmente mortali. “Se è troppo umido, i nostri corpi non possono rinfrescarsi evaporando il sudore: questo è il motivo per cui l’umidità è importante quando consideriamo la vivibilità in un luogo caldo”, ha detto Yi Zhang, il ricercatore dell’Università di Princeton che ha guidato il nuovo studio, pubblicato su Nature Geoscience. “Le alte temperature interne del corpo sono pericolose o addirittura letali”.

Adattamento umano a rischio

Se i governi non riusciranno a frenare il riscaldamento globale a 1,5 ° C, le aree nella fascia tropicale che si estende su entrambi i lati dell’equatore rischiano di trasformarsi in un nuovo ambiente che raggiungerà “il limite dell’adattamento umano”, avverte lo studio. Ciò ha implicazioni potenzialmente disastrose per un’enorme fascia di umanità. Lo studio è solo l’ultimo avvertimento scientifico sui gravi pericoli rappresentati dai cambiamenti climatici: le ondate di calore estreme potrebbero spingere parti del Medio Oriente oltre la resistenza umana, hanno scoperto gli scienziati, con l’aumento delle temperature che comporta enormi rischi anche per parti della Cina e dell’India.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo
Ridimensiona font
Contrasto