Hamilton campione amico degli animali

Il cinque volte campione del mondo di Formula 1, vegano per scelta etica da circa un anno, denuncia le condizioni dei macelli

foto di Hamilton con il suo cane

Hamilton l’estremista? Forse qualcuno lo penserà, ma noi invece non possiamo che plaudire alla scelta del cinque volte campione del mondo di Formula Uno Lewis Hamilton, vegano per etica da circa un anno, che pochi giorni fa (10 dicembre 2018, ndr) ha postato un’immagine tanto forte quanto reale, ovvero ciò che succede purtroppo ogni giorno nei macelli di tutto il mondo: animali sfruttati, uccisi, usati e buttati come se non fossero meravigliosi esseri senzienti. Ogni giorno nel mondo milioni di animali, che come ogni essere vivente vorrebbero solo vivere, vengono sfruttati e uccisi e fatti a pezzi per diventare cibo. In tutta questa catena di “smontaggio” che sono i macelli, qualche animale muore durante il trasporto, o magari risultano malati e quindi non più adatti ad esser macellati: così vengono buttati via come un sacco di rifiuti, vengono “smaltiti” come se fossero cose e non vite. Questo purtroppo non è una situazione criminosa, ma la norma in quello che è chiamato “il ciclo della carne”.

E Lewis Hamilton, lo ha voluto ricordare al mondo intero. Ha voluto ricordare tanta crudeltà, troppo spesso taciuta, ha voluto ricordare che si può vivere, da campioni, scegliendo di vivere vegan. Con tutti i limiti e le contraddizioni che certamente ognuno incontra nel mondo, ma anche al tempo stesso facendo delle scelte, laddove è possibile. Bravo Lewis Hamilton, campione amico degli animali e del pianeta.

Lorenzo Lombardi, Vegan is Better