domenica 19 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Guerra contro la bruttezza

primo piano di Tonino Guerra

Tonino Guerra, più che grande poeta e sceneggiatore (anche internazionale per Anghelopoulos, Tarkovskij, Wenders), è stato forse l’autore di un’auspicata riappacificazione con il Pianeta. Lo è stato in un’epoca in cui il crinale sembrava pendere per la modernizzazione e l’industrializzazione più sfrenate. E in questo senso potremmo definirlo l’ultimo dei poeti contadini, o meglio il cantore delle stagioni e della terra (così come lo ricordiamo autore dello script del protoecologista Deserto rosso). Ora i due volumi in cui Bompiani ha raccolto la sua opera, L’infanzia del mondo. Opere (1946-2012), restituiscono centralità a questa figura più amata che riconosciuta, contribuendo a consacrarla. Lo fanno con la generosa e acuta curatela di Luca Cesari, che introduce con ricchezza.

Guerra, che pure è stato internato e reduce del campo di concentramento di Troisdorf, parte dal mondo contadino perduto (le prime poesie le scrive da prigioniero in Germania), scopre la schizofrenia e la spersonalizzazione della modernità industrializzata e alienata e dell’inurbamento selvaggio, torna alla Terra ritrovando l’uno. Così in vita, nella linea Romagna-Roma-Romagna, in lingua sul fronte sempre vivo lingua e dialetto, in letteratura nel passaggio romanzo psicologico-racconto in versi del mondo contadino. Ecco perché il titolo-citazione dei due volumi raccolti suona come un ritorno all’unicità primitiva che ricompatta tutto. Guerra ha raccontato questo dissidio con un candore e un’ingenuità nativi e l’ha perseguito anche in vita trasferendosi dalla Roma dei suoi scambi con Fellini e Antonioni alla Pennabilli del suo Appennino per poi tornare a morire il 21 marzo 2012 nella natia Santarcangelo di Romagna, vi era nato il 16 marzo 1920, nel cui dialetto ha scritto i suoi versi. Dopo le prime due prove neorealistiche Guerra riconosce ne L’equilibrio la linea città versus campagna come il fronte della sua personale poetica. Il testo è del 1967 e inizia così: “Vengo da un’esperienza tot ciò vuol dire da quell’insieme di cose che danno fastidio, tipo grattacieli, industriali col sigaro, linoleum, plastica, televisione, bang-bang, marijuana”.

Negli anni l’ho intervistato più volte. In una di queste occasioni (nel libro Amarsi a Roma, Ponte Sisto) sull’abbandono della città aveva detto: “Ero stato da poco operato al cervello a Mosca e avevo una certa preoccupazione sulla vita ma, allo stesso tempo e proprio per quello, avevo voglia di rivedere la campagna, di ritirarmi nel silenzio, di godere della pioggia e delle nevicate. Roma meritava di più che i miei occhi vedessero con lentezza la magnificenza dei suoi monumenti”.  Poi raccontando del suo buen retiro. “Ormai la mia vita è qui, in questo piccolo paese dove i miei genitori venivano a vendere frutta e verdura da Sant’Arcangelo dove ero nato”. Ma chi pensasse che il suo ritorno alla campagna sia stato un arretramento e un imbozzolarsi, sbaglia. La sua produzione è stata sempre contraddistinta da un forte impatto civile come nei 13 Avvisi scritti nel 1981: “Carissimi contadini e possidenti, vi prego di non abbattere i grandi ciliegi che tutte le primavere sorridono alla gente che passa sulla via Emilia”. O questo: “Non ama il proprio paese chi lascia la casa nuova color cemento e la dipinge di verde”. Insomma, il mondo merita una cura e già quella è ecologia.l

info toninoguerra.org; museoiluoghidellanima.it

Roberto Carvellihttp://www.carvelli.it
Sono nato a Roma nel 1968. Ho scritto "Perdersi a Roma. Guida insolita e sentimentale" (Iacobelli). "Letti" (Voland). "Le Persone" (Kolibris). Ho fondato e coordino www.perdersiaroma.it

Articoli correlati

Sicilia Carbon Free: la presentazione del Rapporto Isole Sostenibili

Energia, acqua, economia circolare, mobilità: le sfide per le isole minori italiane tra cambiamenti climatici e pressione turistica. Appuntamento oggi, sabato 18 settembre, alle 9.30 allo Stabilimento Florio di Favignana, oppure in diretta su questa pagina e su La Nuova Ecologia con la seconda tappa di Sicilia Carbon Free

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss
Ridimensiona font
Contrasto