giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Gualtieri: “Decarbonizzazione dell’ex Ilva è priorità del Recovery Plan”

Un'immagine di uno degli stabilimenti dell'Ilva di Taranto

«La decarbonizzazione di Ilva sarà tra le priorità del Recovery Plan italiano» lo ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualteri, in conferenza stampa al Nazareno, in occasione dell’iniziativa del Pd dedicata a “Taranto Capitale del Green New Deal”.
«È una strada difficile, ma non ce ne sono altre – ha aggiunto – Questo progetto ha dei capisaldi fermi, tra cui il mantenimento dei livelli occupazionali e produttivi. Se Arcelor Mittal (ex Ilva, NdR) non dovesse essere d’accordo con il progetto, troveremo altri interlocutori». Per il ministro bisogna da subito lavorare per una più incisiva trasformazione che valorizzi l’investimento sull’idrogeno, uno dei perni più innovativi del Recovery Plan italiano.

«Lo Stato italiano – dichiara il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano –  è in debito con Taranto, dobbiamo cominciare a saldare questo debito nel più breve tempo possibile».

Nel documento «Taranto capitale del Green new deal» il Partito democratico chiede “una vera e propria svolta” per l’ex Ilva, constatando che «purtroppo il modo in cui si è tentato di coniugare salute e lavoro si è rivelato inefficace». Il Pd impegna il Governo su quattro punti:
– una verifica dell’attuale impianto produttivo a ciclo integrale, in grado di tutelare la salute di cittadini e lavoratori salvaguardando, in ogni caso, i livelli occupazionali;
– un progetto per «l’utilizzo del “Just Transition Fund” e del Recovery Fund per progettare la progressiva decarbonizzazione;
– la piena applicazione delle recenti misure normative come «la fiscalità di vantaggio, il rafforzamento delle Zes e il credito d’imposta in ricerca e sviluppo rafforzato al Sud;
– «un tavolo» che possa realizzare quanto previsto nel piano del Pd per la «Taranto Verde».

«Le proposte del Pd per la svolta green di Taranto – commenta Nicola Zingaretti – nascono dall’impegno che abbiamo preso con i cittadini e con il territorio. Salute e lavoro, riqualificazione ambientale, decarbonizzazione, fiscalità di vantaggio. Un nuovo inizio per Taranto, per un modello di sviluppo sostenibile grazie al protagonismo delle forze della città e alle risorse europee del Recovery Fund».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto