martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Gualtieri: “Decarbonizzazione dell’ex Ilva è priorità del Recovery Plan”

Un'immagine di uno degli stabilimenti dell'Ilva di Taranto

«La decarbonizzazione di Ilva sarà tra le priorità del Recovery Plan italiano» lo ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualteri, in conferenza stampa al Nazareno, in occasione dell’iniziativa del Pd dedicata a “Taranto Capitale del Green New Deal”.
«È una strada difficile, ma non ce ne sono altre – ha aggiunto – Questo progetto ha dei capisaldi fermi, tra cui il mantenimento dei livelli occupazionali e produttivi. Se Arcelor Mittal (ex Ilva, NdR) non dovesse essere d’accordo con il progetto, troveremo altri interlocutori». Per il ministro bisogna da subito lavorare per una più incisiva trasformazione che valorizzi l’investimento sull’idrogeno, uno dei perni più innovativi del Recovery Plan italiano.

«Lo Stato italiano – dichiara il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano –  è in debito con Taranto, dobbiamo cominciare a saldare questo debito nel più breve tempo possibile».

Nel documento «Taranto capitale del Green new deal» il Partito democratico chiede “una vera e propria svolta” per l’ex Ilva, constatando che «purtroppo il modo in cui si è tentato di coniugare salute e lavoro si è rivelato inefficace». Il Pd impegna il Governo su quattro punti:
– una verifica dell’attuale impianto produttivo a ciclo integrale, in grado di tutelare la salute di cittadini e lavoratori salvaguardando, in ogni caso, i livelli occupazionali;
– un progetto per «l’utilizzo del “Just Transition Fund” e del Recovery Fund per progettare la progressiva decarbonizzazione;
– la piena applicazione delle recenti misure normative come «la fiscalità di vantaggio, il rafforzamento delle Zes e il credito d’imposta in ricerca e sviluppo rafforzato al Sud;
– «un tavolo» che possa realizzare quanto previsto nel piano del Pd per la «Taranto Verde».

«Le proposte del Pd per la svolta green di Taranto – commenta Nicola Zingaretti – nascono dall’impegno che abbiamo preso con i cittadini e con il territorio. Salute e lavoro, riqualificazione ambientale, decarbonizzazione, fiscalità di vantaggio. Un nuovo inizio per Taranto, per un modello di sviluppo sostenibile grazie al protagonismo delle forze della città e alle risorse europee del Recovery Fund».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto