Greta ai giovani: “Sto bene, ma potrei essere stata contagiata. #StayAtHome”

Greta Thunberg, tornata dopo un lungo viaggio, confessa di aver avuto vari sintomi e che potrebbe aver contratto il virus. Sul suo profilo Instagram invita tutti i giovani a restare a casa per proteggere i più fragili/ #ClimateStrikeOnline, lo sciopero per il clima si sposta sui social/ Davos, le visioni opposte di Greta Thunberg e Donald TrumpBrava Greta!

Greta Thunberg

Greta Thunberg, la giovane attivista svedese che ha dato vita al movimento globale Fridays for future con manifestazioni e scioperi contro il cambiamento climatico, ha dichiarato  sul suo profilo Instagram di non essere stata bene al rientro dal suo viaggio in Europa, e di aver avuto sintomi simil influenzali, come quelli caratteristici del contagio da Coronavirus.

“Nelle ultime due settimane sono rimasta a casa. Quando sono tornata dal mio viaggio in giro per l’Europa centrale mi sono isolata in un appartamento lontano da mia madre e mia sorella” racconta Greta nel suo post. “Circa dieci giorni fa ho iniziato a sentire alcuni sintomi, esattamente nello stesso periodo di mio padre – che viaggiava con me da Bruxelles. Mi sentivo stanca, avevo i brividi, il mal di gola e tossivo. Mio padre ha avuto gli stessi sintomi, ma molto più intensi e con la febbre” scrive.  

Sottolinea che in Svezia non si può fare il test per il Covid-19, a meno che non si abbia bisogno di cure mediche urgenti, e per questa ragione non ha potuto fare il tampone. Però, afferma, “è estremamente probabile che io l’abbia avuto, dati i sintomi e le circostanze collaterali”.

Ora che lei e suo padre stanno bene, Greta vuole mandare un messaggio diretto ai tanti giovani che la seguono in tutto il mondo. “Quasi non mi sentivo male. Il mio ultimo raffreddore è stato molto peggio! Se non fosse stato per qualcun altro che aveva il virus in contemporanea, forse non avrei nemmeno sospettato nulla. Avrei semplicemente pensato che mi sentivo stanca e che avevo un po’ di tosse. Ed è proprio questo che rende il virus molto più pericoloso. Molti (soprattutto i giovani) potrebbero non notare alcun sintomo, o sintomi molto lievi. Non sapendo di avere il virus, potrebbero trasmetterlo a persone più a rischio. Noi che non apparteniamo a fasce a rischio abbiamo un’enorme responsabilità, le nostre azioni possono fare la differenza tra la vita e la morte per molti altri. Ricordatevi di prendervi sempre cura l’uno dell’altro e di aiutare chi ne ha bisogno”.

Così conclude Greta, che invita tutti a rimanere a casa e a seguire le misure consigliate dai medici, con l’obiettivo comune di abbassare la curva del numero dei contagi nel mondo. 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER