mercoledì 21 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Greenpeace denuncia traffico illecito di rifiuti in Malesia

Traffico rifiuti Malesia foto di Greenpeace
foto di Greenpeace

Nei primi nove mesi del 2019 più di 1.300 tonnellate di rifiuti in plastica sono state spedite illegalmente dall’Italia ad aziende malesi: è quanto ha scoperto l’unità investigativa di Greenpeace con un’inchiesta condotta tra Italia e Malesia sul traffico di rifiuti in plastica.

Su 65 spedizioni avvenute in questo lasso di tempo per via diretta – 43 sono state destinate a impianti privi dei permessi per importare e riciclare rifiuti stranieri, che operano quindi senza alcun rispetto per ambiente e salute umana.

Dati alla mano, secondo i documenti confidenziali ottenuti dall’associazione ambientalista e già consegnati alle autorità competenti, nei primi nove mesi dello scorso anno, su un totale di 2.880 tonnellate di rifiuti plastici spediti per via diretta in Malesia, il 46 per cento è stato inviato a impianti privi delle autorizzazioni necessarie, e che quindi operano senza alcun rispetto per ambiente e salute umana. Una analisi che Greenpeace è riuscita a condurre anche grazie a documenti riservati, ottenuti dal governo di Kuala Lumpur, contenenti i nomi delle 68 aziende malesi autorizzate a importare e trattare rifiuti in plastica dall’estero.

«Pochi mesi fa abbiamo mostrato le drammatiche conseguenze sanitarie e ambientali delle esportazioni di rifiuti in plastica dall’Italia verso la Malesia. Ora, con questa nuova inchiesta, sveliamo le illegalità che si celano dietro questi fenomeni» dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. «Si tratta di una situazione inaccettabile che conferma, ancora una volta, l’inefficacia del sistema di riciclo e la necessità di adottare misure urgenti per ridurre la produzione di quella frazione di plastica, spesso inutile e superflua, rappresentata dall’usa e getta».

Oltre all’analisi documentale, un team di Greenpeace si è recato in Malesia e – con l’ausilio di telecamere nascoste – è riuscito raccogliere testimonianze video in alcune delle aziende malesi disposte a importare illegalmente i nostri rifiuti (plastica contaminata e rifiuti urbani compresi). Inoltre, ha documentato la presenza di rifiuti plastici provenienti dall’estero, Italia inclusa, abbandonati all’aperto senza alcuna sicurezza per l’ambiente e la salute umana.  

Nel corso degli ultimi anni, la Malesia è diventata una delle principali destinazioni delle esportazioni di rifiuti occidentali in plastica di bassa qualità e di difficile riciclo, pur essendo sprovvista di un sistema di trattamento e recupero efficace e di rigorose regolamentazioni ambientali, alimentando così un mercato globale spesso illegale.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Iucn, tre parchi italiani nella Green list

Il parco nazionale dell’Arcipelago toscano e quello delle Foreste casentinesi entrano nella  “Green List”. Al parco nazionale del Gran Paradiso viene confermata la presenza per la terza volta dal 2014

Vegetazione e neve modulano il riscaldamento climatico

Lo studio, coordinato dal Cnr, mostra il rapporto tra il global warming degli ultimi decenni e la variazione di copertura nevosa e vegetale nelle diverse aree dell’emisfero settentrionale. I risultati sono pubblicati su Environmental Research Letters

Clima, nel 2020 temperature e eventi estremi in aumento

A dirlo il nuovo rapporto Onu sullo stato globale del clima pubblicato dall’Organizzazione mondiale di meteorologia. Le emissioni di gas serra sono in aumento nonostante i lockdown dovuti al Covid19

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Vegetazione e neve modulano il riscaldamento climatico

Lo studio, coordinato dal Cnr, mostra il rapporto tra il global warming degli ultimi decenni e la variazione di copertura nevosa e vegetale nelle diverse aree dell’emisfero settentrionale. I risultati sono pubblicati su Environmental Research Letters

Caporalato e fitofarmaci illegali: operazione dei Nas a Terracina e Venezia

Sgominata un'associazione a delinquere che sfruttava manodopera extracomunitaria nei campi. Legambiente: "Il controllo delle forze dell’ordine deve unirsi a una sempre più consapevole conoscenza dei rischi legati all’utilizzo della chimica dannosa in agricoltura"

Pranzo a base di uccelli protetti nella Comunità montana della Valtrompia

Ventiquattro dipendenti dell'ente sono stati colti in flagrante dai carabinieri forestali mentre banchettavano con pietanze a base di uccelli protetti e vietati. La denuncia della Lega per l’abolizione della caccia che chiede le dimissioni del presidente Massimo Ottelli

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva
Ridimensiona font
Contrasto