martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Green Drop Award: il Festival di Venezia si colora di verde

Green-Drop_Award

Alla 76a Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia torna per l’ottavo anno consecutivo il Green Drop Award. Il premio è stato istituito da Green Cross Italia, ong internazionale fondata da Mikhail Gorbaciov, e viene assegnato durante la kermesse di Venezia al film che, tra quelli in gara nella selezione ufficiale del festival, interpreta meglio i valori dell’ecologia, dello sviluppo sostenibile e della cooperazione fra i popoli.

Dal 28 agosto al 7 settembre il Lido ospiterà un vero e proprio “green carpet” del Green Drop Award con personaggi del mondo del cinema, dello spettacolo, dei fumetti, della cultura e della scienza per promuovere la sostenibilità attraverso gli schermi del Grande Cinema. Ogni anno la giuria è composta da esponenti del cinema e della sostenibilità ambientale. Presidente di Giuria dell’edizione 2019 è Stefania Sandrelli, mentre gli altri membri sono Claudio Bonivento, Tarcisio Agus, Bepi Vigna e Juan Vicente Manrique.

Gli eventi in programma

Tra gli eventi più attesi organizzati quest’anno dal Green Drop Award c’è l’appuntamento di gala alla Villa degli autori che, il 4 settembre alle 18 vedrà la partecipazione del regista Terry Gilliam e dello scienziato Valerio Rossi Albertini.

Ma non solo. Alcuni classici del cinema verranno infatti reinterpretati da grandi maestri del fumetto italiano per la Mostra di Venezia nell’ambito della mostra dal titolo “Il Cinema rovinato dal cambiamento climatico”, curata dal Centro internazionale del fumetto di Cagliari diretto da Bepi Vigna.

Grande spazio sarà riservato anche all’importanza di una filiera sostenibile per il cinema, dalle produzioni alle sale cinematografiche con l’incontro “Sustainable Screens – efficienza energetica e sostenibilità per il sistema delle sale cinematografiche italiane” il 3 settembre all’Italian Pavilion presso l’Hotel Excelsior al quale prenderanno parte professionisti ed esperti del settore.

La consegna del Green Drop Award 2019 avverrà venerdì 6 settembre nella Sala Tropicana dell’Hotel Excelsior presso la Fondazione Ente dello Spettacolo.

Le voci degli organizzatori

“Quest’anno il nostro premio parla di futuro e di lotta ai cambiamenti climatici. Cinema significa intrattenimento ma anche riflessione e impegno. Aiuta a denunciare ma anche a sognare un futuro migliore, un po’ come sta facendo Greta con i giovani di tutto il mondo” ha spiegato Marco Gisotti, direttore del Green Drop Award. “Lester Brown ha detto una volta che non abbiamo più tempo per essere pessimisti: potremmo dire che la Mostra del cinema di quest’anno è allora la più importante di sempre per lanciare un messaggio di allarme ma anche di speranza”.

“È tempo che tutti agiscano. I drammatici incendi dell’Amazzonia e la fusione di grandissimi ghiacciai in Antartide come nel resto del mondo ci ricordano di fare la nostra parte per ricordare che non vi è più tempo da perdere nella corsa a ridurre i cambiamenti climatici. Proprio Venezia è tra le prime città italiane che, a causa del surriscaldamento globale e l’innalzamento dei mari, potrebbe ‘sparire’ sotto l’acqua”, ricorda Elio Pacilio, presidente di Green Cross Italia. Un tema che, non a caso, ripreso esplicitamente dalle tavole della  mostra “Il Cinema rovinato dal cambiamento climatico”.

L’edizione 2019 è realizzata con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e in collaborazione con il Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna e la Sardegna Film Commission. Partner del Premio sono il Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna, Sardegna Film Commission, Centro internazionale del fumetto di Cagliari. Media partner La Nuova Ecologia, TuttoGreen LaStampa e GreenStyle. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto