martedì 1 Dicembre 2020

Grazie a un ragazzo di 12 anni anche Acquapendente dichiara emergenza climatica

Francesco Barberini ambientalista

Francesco Barberini ha solo 12 anni ma è molto impegnato nella lotta in difesa dell’ambiente. Qui sotto la lettera che ha inviato a Nuova Ecologia:

“Ciao a tutti. Sono Francesco Barberini, ho 12 anni e sono un aspirante ornitologo.

La mia passione sono gli uccelli ed il volo, anche quello antico, come quello degli pterosauri. Gli pterosauri erano rettili volanti vissuti al tempo dei dinosauri e si sono estinti con la grande estinzione di massa di 65 milioni di anni fa. Dominavano i cieli ed erano di tantissime forme e dimensioni e sono vissuti per 185 milioni di anni, sembravano invincibili, eppure si sono estinti e questo ci deve far pensare al fatto che anche noi umani se continuiamo a non “trattare” bene la terra potremmo avere problemi molto grandi.

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella mi ha conferito, a 10 anni, l’onorificenza di Alfiere della Repubblica Italiana per meriti scientifici e divulgativi, e il mio impegno, oltre a quello di far conoscere a più persone possibili gli argomenti di cui tratto, è quello di divulgare le problematiche che l’uomo sta creando al clima e quindi a egli stesso.

Sto girando molto con le mie conferenze sull’evoluzione dai dinosauri agli uccelli e sulla vita degli pterosauri e sto conoscendo molti esperti di fama mondiale, i quali sono molto preoccupati. I cambiamenti climatici stanno diventando sempre più gravi e la colpa è nostra che non stiamo facendo abbastanza per cambiare le nostre abitudini di vita. Io ho aderito al Friday for Future e nel mio piccolo quotidiano posso e devo fare molto, e tutti, grandi e piccoli si devono impegnare!

Per questi motivi ho scrivo al sindaco, del mio paese, Acquapendente, il Dott. Angelo Ghinassi, chiedendo di dichiarare l’emergenza climatica, suggerendo anche delle possibili azioni da fare, copiando soprattutto esempi positivi che ci sono già. Con mia grande soddisfazione mi ha risposto subito e affermativamente! Nel prossimo Consiglio comunale verrà messo all’ordine del giorno.

Spero che questo piccolo esempio sia da stimolo per tante altre persone e per città, grandi e piccole.

Spero che finalmente tutti si impegnino per salvare il nostro pianeta!

Francesco Barberini”

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,168FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste