venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Gli squali contro i cambiamenti climatici

Secondo un nuovo studio della Florida international University i grandi predatori dopo un evento climatico estremo possono proteggere l’ecosistema. Portandolo alla resilienza

Squali contro i cambiamenti climatici. Sembrerebbe “una lotta impari” ma un nuovo studio dimostra l’importanza dei “grandi predatori” per gli ecosistemi dopo un evento estremo come un’ondata di caldo. La “rivelazione” arriva da una squadra di esperti della Florida international University (FIU), dell’Università di Washington e della Deakin University in Australia con uno studio sulla Shark bay.

Shark bay: l’esperimento dopo l’ondata di caldo

La domanda che si sono posti gli scienziati è stata: “L’assenza di grandi predatori può aumentare gli effetti del cambiamento climatico? Può far precipitare una situazione già negativa?” La risposta è stata sì.

Proteggere le specie predatrici e mantenere queste relazioni tra specie può effettivamente portare alla resilienza dopo eventi climatici estremi


Dopo l’ondata di caldo del 2011 che ha distrutto la chioma delle fanerogame nella Shark bay in Australia, gran parte della popolazione di dugonghi ha lasciato temporaneamente la baia, ponendo le basi per un esperimento sul campo unico, raccontano gli esperti in un articolo pubblicato sul Journal of Animal Ecology. Hanno utilizzato un’area danneggiata della baia, in cui erano cresciute nuove piante marine resistenti al calore, come loro laboratorio. Utilizzando calcoli basati sul tasso di pascolo dei dugonghi quando gli squali sono assenti, sono stati in grado di imitare il tasso di alimentazione dei dugonghi in modo artificiale. I subacquei hanno riprodotto i modelli di pascolo dei dugonghi, scavando periodicamente le alghe, imitando  così il comportamento dei dugonghi nel caso in cui gli squali nella baia fossero magicamente scomparsi o fossero stati sovrasfruttati. Hanno scoperto che la volta più grande e importante delle fanerogame marine non si è ripresa, perché è stata disturbata dal pascolo dei subacquei. Proteggere le specie predatrici e mantenere queste relazioni tra specie può effettivamente quindi portare alla resilienza dopo eventi climatici estremi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto