domenica 5 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Girovagare per riconnettersi con l’ambiente, l’intervista a Hans Gelter

Im Svezia, a Scuola Con La Naturadi CHIARA CAROVANI

Dal mensile di luglio – agosto – La friluftsliv, che possiamo tradurre con “il piacere dell’errare”, è un concetto che ha le sue radici nella tradizione scandinava di trascorrere del tempo nella natura. Non importa a far cosa o con chi: il punto è lasciare il cemento per stare fra gli alberi e risintonizzare l’orologio biologico. Ne abbiamo parlato con Hans Gelter, biologo evoluzionista e professore di Turismo esperenziale all’Università di Luleå, in Svezia.

Che cos’è la friluftsliv?
È la libertà di girovagare all’aperto per riconnettersi con l’ambiente. In Svezia è abitudine tra le famiglie, le coppie o gli amici di trascorrere il fine settimana fuori città, è il momento per rigenerarsi e dedicare tempo alle relazioni. Nella natura finalmente ci riposiamo. È una tradizione che va a braccetto con la Allemansrätten, “diritto di tutti gli uomini”, una legge che abbiamo nei Paesi scandinavi per garantire a ogni persona il diritto a godere della natura.

Ci sono dei benefici sull’organismo?
Studiando la terapia medica giapponese del Shinrin-yoku è stato dimostrato che camminare nel bosco rinforza le difese immunitarie perché le piante rilasciano delle spore, Phytoncide, che hanno una funzione antibatterica sull’uomo. La natura segue un ritmo frattale, sia nelle forme che nei suoni, e interagendo con il nostro sistema limbico ci reca piacere: i livelli di Cortisolo si abbassano, l’esposizione al sole ci fa produrre serotonina e altri ormoni antistress. All’unisono si ha un rilassamento del sistema nervoso e muscolare. Negli anni ’70, quando si registrò un aumento del lavoro in fabbrica, il governo svedese costruì i nostri tipici chalet rossi in luoghi di montagna e obbligò gli operai a passarci due settimane all’anno per avere cittadini sani e rilassati. Ci andavo in vacanza anch’io perché mio padre lavorava in un’acciaieria.

I benefici sono anche sulle relazioni interpersonali?
Stare in un bosco è il miglior modo per accettare cosa è “altro da noi”. Una volta lasciata la “bolla” sociale in cui viviamo anche le relazioni diventano più genuine. Inoltre impari a coordinarti e ad affidarti agli altri come in una tribù. Pensi quanto è istruttivo per una famiglia.

La frilutsliv è diversa dall’outdoor?
La differenza con le attività outdoor, nelle quali si ha un rapporto competitivo con la natura e le organizzazioni sono strutturate con gerarchie e regole, è sostanziale. La friluftsliv non ha scopi, è solo avere il piacere di aprirsi all’ascolto della natura per riscoprirsi connessi con lei. Poi ci sono attività che nascono lateralmente come pescare, raccogliere funghi, fare il fuoco, ma la ragione principale non ha scopi utilitaristici.

E per quanto riguarda le iniziative di ecoturismo?
Le attività dovrebbero basarsi sul concetto di hjärna (cervello), hjärta (cuore), mennej (mano), cioè insegnare, far sentire e far partecipare così da avere un coinvolgimento completo. L’ecoturismo ha proprio il fine di educare a una visione ecosistemica della vita. Come capita nelle relazioni personali: ti affezioni a una persona, e vuoi preservarla, soltanto quando la percepisci nella sua interezza.

IDENTIKIT Biologo evoluzionista e professore associato di Turismo esperienziale all’Università svedese di Luleå, Hans Gelter conduce ricerche su ecoturismo e metodologie pedagogiche, in particolare sulla cosiddetta Pedagogia del bosco. È fra i fondatori di Guide Natura, un’agenzia ecoturistica a Piteå, nel nord della Svezia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto