mercoledì 27 Gennaio 2021

Girls Energica Tour, viaggio su moto a emissioni zero

Si chiama Girls Energica Tour, è il primo viaggio in Italia su moto a emissioni zero tutto al femminile e prende il via a partire da lunedì 31 agosto. Due motocicliste, Lorena Bega (Elleb_02), e Valentina Bruno (TraVale_), molto seguite nel settore dell’automotive e del turismo su due ruote, percorreranno 1.000 chilometri in quattro giorni, da Firenze a Ostuni, per dimostrare che le moto elettriche non possono, e non devono, essere relegate agli spostamenti urbani. La data di arrivo è fissata per il 3 settembrebre.

Il progetto 

Il Girls Energica Tour è un’anteprima assoluta, un’avventura tutta italiana e a emissioni zero, che combinerà il fascino di attraversare lo Stivale nel più completo silenzio guidando moto dalle prestazioni entusiasmanti, dimostrando che ogni tappa può essere percorsa contando su autonomie di tutto rispetto, senza richiedere alcuna ricarica. Il progetto, in partnership con il Gruppo Telepass, patrocinato da Legambiente e Save the Planet, ha lo scopo di disegnare la via dell’elettrico in Italia, anche grazie al sostegno di Enegan, e di accendere i riflettori su tutta una serie di iniziative che hanno come comune denominatore la salvaguardia dell’ambiente, l’ecosostenibilità e la tutela del territorio attraverso le tecnologie del futuro prossimo.

Motociclette made in Italy e a impatto zero

Le protagoniste di questo tour a impatto zero utilizzeranno i modelli di punta della gamma Energica, azienda modenese che realizza motociclette 100% made in Italy e che partecipa come fornitore unico al campionato mondiale di MotoE: EVA EsseEsse9+ ed EVA Ribelle. Entrambe le motociclette sono modelli di serie, vantano una componentistica di prim’ordine e hanno una velocità massima di 200 km/h. Durante il tour l’assistenza tecnica e logistica sarà garantita dalle concessionarie Elettricorse di Ginestra Fiorentina, polo toscano della mobilità sostenibile, e GPOne di Milano. Le due motocicliste saranno inoltre supportate dall’equipaggiamento tecnico del gruppo Dainese e AGV, per una esperienza di viaggio in assoluta sicurezza.

Un tour accompagnato da iniziativi all’insegna della sostenibilità

Da Firenze a Bologna, dall’Ospedale delle Tartarughe Marine di Riccione al progetto europeo “A pesca di Plastica” a cui aderisce anche la Capitaneria di Porto marchigiana, passando per la Via Verde dei Trabocchi, fino ai progetti di mobilità alternativa della Provincia di Bari. Questa nuova visione di viaggio ha nel Gruppo Telepass, con la sua offerta di servizi green, safe & clean, il partner ideale: da sempre, infatti, l’azienda si impegna a diffondere l’idea che una mobilità più sostenibile, e a basso consumo di CO2, sia possibile anche nel nostro Paese. Il Gruppo Telepass ha fortemente creduto in questa iniziativa in quanto rientra all’interno del suo progetto #Tvadipartire, uno spazio editoriale di consigli e idee per riscoprire gli angoli più belli e nascosti dell’Italia, da Nord a Sud, utilizzando i servizi di inter-mobilità che la società offre, agevolando così l’esperienza di viaggio rendendola più smart e confortevole.

L’arrivo il 3 settembre a Ostuni

Il tour si concluderà giovedì 3 Settembre 2020, alle ore 18.30, con un evento d’accoglienza a Ostuni nella sede del GAL dove le motocicliste, fresche del viaggio, racconteranno le loro impressioni ed emozioni dell’esperienza appena vissuta. Per l’occasione verranno resi noti i dati, certificati da Save The Planet, relativi al risparmio di CO2 ottenuti grazie alla mobilità elettrica durante questo tour. Ogni giorno le due protagoniste posteranno attraverso i loro canali social Instagram e Facebook, le tappe del Girls Energica Tour ed entreranno nel vivo dei progetti green che scopriranno lungo l’itinerario, ma soprattutto renderanno partecipi i follower delle bellezze paesaggistiche del territorio nazionale. Ecco gli hashtag ufficiali del tour: #girlsenergicatour #laviadellelettrico #tvadipartire #savetheplanet #makethedifference #energica #myelectric #dainese #AGVhelmets #dainesecrew #enegan #noisiamogreen.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca