mercoledì 20 Gennaio 2021

Giovani e partecipazione, la voglia di volontariato non si è mai fermata

Nel 2020 si è fatto a meno della compresenza, ma sono nate formule di mobilitazione e coinvolgimento inedite

di SERENA CARPENTIERI, vicedirettrice nazionale di Legambiente
e MATTIA LOLLI, responsabile volontariato di Legambiente

Fare bilanci di fine anno è sempre impegnativo, provare a tracciare un bilancio del 2020 sulla mobilitazione associativa e il coinvolgimento dei giovani è decisamente difficile ma bisogna dire che, nonostante tutto, anche quest’anno ha portato belle e inattese soddisfazioni. Perché il 2020 che sta (finalmente) per finire è stato un anno molto sfidante per la nostra associazione. Abbiamo dovuto fare a meno del nostro ingrediente più importante: quello della compresenza, del corpo a corpo, del coinvolgimento di cittadini e volontari sul campo. Anche noi, sempre in prima linea a dare il buon esempio per ostacolare la diffusione del virus, abbiamo dovuto rinunciare a tanto: il Treno Verde che dopo più di trenta anni ha dovuto fermare il suo viaggio dopo appena due tappe, la Goletta Verde che non ha potuto mollare gli ormeggi e fare il consueto periplo delle coste italiane, i nostri campi di volontariato estivi che abbiamo dovuto sospendere così come tutti  i nostri progetti, campagne e iniziative territoriali organizzate dai nostri Circoli in tutta Italia.

foto di Serena Carpentieri “Il 2020 ci ha permesso di riscoprire un’associazione forte e vitale, dalla grande resilienza, generosità, capacità di mettersi in gioco e di reinventarsi”

Ma il 2020 non è stato solo un anno di rinunce ma anche un anno di grandi opportunità che ci ha permesso di riscoprire un’associazione forte e vitale, dalla grande resilienza, generosità, capacità di mettersi in gioco e di reinventarsi. E così, non ci siamo mai fermati, anzi!, e abbiamo messo in campo formule di mobilitazione e coinvolgimento di volontari e giovani inedite, fuori da ogni schema rodato in passato e incredibilmente appassionanti! Come facciamo a fare la Goletta Verde con la barca ferma in porto? All’inizio sembrava un dilemma irrisolvibile! Si può fare tutto quando puoi contare su centinaia di Circoli! Così, oltre 400 volontari hanno eseguito i campionamenti delle acque di mare e di lago al posto di un unico staff nazionale. Insomma ci siamo moltiplicati e siamo riusciti a coinvolgere tantissimi giovani e giovanissimi, dando vita alla più grande esperienza di citizen science territoriale di questo genere! Anche le “tappe” non sono mancate, cosi come le denunce di tutto ciò che non va: dalla depurazione all’abusivismo, dalla plastica in mare alle trivellazioni petrolifere. Un risultato eccezionale: qualcuno non si è accorto che la barca non è mai partita, perché quest’anno “La Goletta più importante sei tu” come recitava l’headline della campagna creativa. Grandi soddisfazioni anche con altre campagne storiche che hanno cambiato pelle (anche in chiave digitale) e anche con nuove campagne come La Carovana dei ghiacciai, nell’ambito di ChangeClimateChange. Il 2020 ci ha riempito di orgoglio anche per una positiva tendenza che abbiamo avvertito: la voglia di volontariato delle persone non si è mai fermata e anzi è cresciuta in maniera esponenziale. E abbiamo fatto davvero bene non solo a organizzare diversamente Puliamo il Mondo ma anche a inventare formule strutturate di volontariato di prossimità, in alternativa ai campi di volontariato residenziali. Centinaia di persone hanno risposto al nostro appello e si sono unite ai nostri Circoli per realizzare i 40 progetti ambientali territoriali che avevamo programmato. Insomma, una sorprendente partecipazione che anche in questo caso ha visto in prima fila i giovani. E non si può non citare, a questo proposito, la nascita (in pieno lockdown!) del Coordinamento Nazionale Giovani di Legambiente. Un gruppo di giovani attivisti e attiviste, provenienti da tutta Italia, che da un po’ di tempo lavora per consolidare una strategia di coinvolgimento di giovani, volontari e attivisti, una delle principali sfide che si è posta l’associazione durante l’ultimo Congresso Nazionale. Una bella promessa per il presente e il futuro visto che questo Coordinamento ha già prodotto un nuovo e fiammante Vademecum Engagement a beneficio di tutta l’associazione, a partire dai lavori del Secondo Youth Climate Meeting di Settembre a cui hanno partecipato 100 giovani Legambiente da tutta Italia, a cui sono seguiti diversi Youth meeting regionali. È sentore comune che ci vorrà davvero poco per far sì che il 2021 sia un anno migliore del 2020 ma noi abbiamo già messo le basi affinché il nuovo anno sia davvero l’anno della svolta ambientale, di una rinnovata mobilitazione per le emergenze ambientali planetarie, una sempre più crescente sensibilità per il volontariato, ambientale e sociale e un reale protagonismo dei giovani.

 

>> Leggi lo speciale 2020, un anno di ambiente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento