Giovani e partecipazione. La nostra #rievoluzione con le nuove generazioni

XI Congresso nazionale di Legambiente – La piazza tematica “Giovani e partecipazione. La nostra #rievoluzione con le nuove generazioni” / Le altre piazze / Speciale “Il tempo del coraggio”

goletta verde in navigazione
XI Congresso nazionale di Legambiente – La piazza tematica “Giovani e partecipazione. La nostra #rievoluzione con le nuove generazioni”

È davvero iniziata la #Rievoluzione? Sembrerebbe proprio di sì! Giovani di Legambiente siete pronti? Un’intera generazione sta scendendo in piazza, in tutto il mondo. La loro bandiera è la lotta alla crisi climatica, la fiducia nella scienza, il contrasto a un sistema economico insostenibile per il futuro dell’umanità. Non ci sono precedenti nella storia, anzi la storia la stanno scrivendo oggi le ragazze e i ragazzi che vogliono salvare il pianeta. In questi ingredienti si condensa un movimento politico inedito, una boccata di ossigeno necessaria. Un grande orgoglio anche per Legambiente perché finalmente, dopo quasi 40 anni di battaglie, il tema dei cambiamenti climatici esce dalla nicchia.

Così, grazie alle più giovani energie del pianeta e dell’associazione, stiamo riuscendo ad accrescere la consapevolezza globale su un’emergenza che investe in pieno le responsabilità dei governi, delle industrie ma anche di consumatori e cittadini. Un cambio di passo che sta avvenendo anche su un’altra grave emergenza ambientale, quella dell’inquinamento da plastica, che in poco più di tre anni si è imposta nel dibattito mondiale. Anche su questo fronte i giovani sono il motore del cambiamento. Uno scenario nuovo e appassionante per tutti noi ambientalisti, uno scenario che deve saperci guidare e orientare per fare di questa rinnovata consapevolezza la chiave per un reale cambiamento. I presupposti ci sono, a partire dai giovani: dobbiamo essere in grado di ascoltare e di guardare con nuovi occhi questo movimento globale, fluido, digitale, che poco ha a che vedere con modalità, narrazioni e codici del passato.

Con questa piazza tematica al nostro Congresso nazionale vogliamo chiamare a raccolta tutti i giovani di Legambiente che vogliono lanciare una sfida all’associazione: trovare nuovi strumenti di contaminazione, nuovi linguaggi, nuove modalità per continuare a scrivere questa bellissima storia. Dobbiamo partire da quello che ci contraddistingue di più: la nostra competenza, la nostra capillarità territoriale, la nostra capacità di mobilitare attraverso le campagne, i campi di volontariato, i progetti di educazione ambientale. Dobbiamo metterci in gioco, aprendoci a nuovi stimoli, impegnandoci a coinvolgere quante più persone possibile, a iniziare dai giovani, perché se c’è una cosa in cui non siamo affatto equilibrati è la grandiosità dei nostri sogni e delle nostre ambizioni. Siamo a buon punto: con i nostri giovani attivisti abbiamo coprogettato la nostra nuova campagna “ChangeClimateChange”; abbiamo offerto il nostro supporto e sfilato al fianco dei ragazzi dei Fridays for future in centinaia di piazze; abbiamo organizzato meeting nazionali e regionali di scambio e confronto tra i nuovi attivisti; abbiamo dato vita a “Volontari per natura”, il più grande progetto di citizen science mai realizzato in Italia, stimolando il coinvolgimento degli under 35. Abbiamo vinto tante battaglie ma sono sempre di più le sfide che ci attendono. E le potremo affrontare al meglio solo se sapremo metterci in gioco in una inedita e giovane #Rievoluzione!

foto di Serena Carpentieri‘Dobbiamo ascoltare e guardare con nuovi occhi il movimento globale, che poco ha a che vedere con modalità, narrazioni e codici del passato’

Serena Carpentieri, vicedirettrice di Legambiente