domenica 5 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Giornata mondiale della biodiversità: la natura non festeggia

un'immagine di un bosco in Toscana

di PAOLO GIGLIOTTI

Perdiamo natura a ritmo allarmante. Questo quanto evidenziato da Cristiana Pasca Palmer, segretario della Convenzione sulla diversità biologica, in occasione della giornata della Biodiversità che ricorre il 22 maggio: “La biodiversità continua ad essere in declino in tutte le regioni del mondo nonostante gli impegni internazionali”.

Solo nel 2016, stando ad una ricerca dell’università del Maryland, la Terra ha perso quasi 30 milioni di ettari di copertura arborea. La Giornata 2018 celebra i 25 anni della Convenzione sulla biodiversità, entrata in vigore nel 1993 per difendere animali e piante da una serie di minacce che spesso derivano da attività umane. La perdita di natura può portare a conseguenze catastrofiche per l’esistenza umana e non, avverte Palmer. Sottolinea anche l’urgenza di sfruttare i prossimi due anni raggiungendo gli obiettivi internazionali del Piano strategico sulla biodiversità 2011-2020. In Italia, in base all’annuario 2017 dell’Ispra, il 31% degli animali vertebrati è a rischio di estinzione, insieme alla metà delle specie vegetali, questo rende il bracconaggio un’altra grande minaccia alla diversità biologica. Tra le minacce principali per la biodiversità c’è la presenza di specie aliene invasive difficilmente gestibili che causa costi sociali ed economici stimati intorno ai 12 milioni di euro solo nell’Unione Europea, come sottolineano Legambiente e Ispra. Piante ed animali esotici possono minacciare l’esistenza delle specie autoctone, causandone l’estinzione. Negli ultimi 30 anni, secondo i dati di Ispra e Legambiente, il numero delle specie aliene nel nostro Paese è aumentato del 96%: solo in Italia sono presenti più di tremila specie aliene, spesso introdotte volontariamente, di cui il 15% invasive.

Tra i mari del vecchio continente, il Mediterraneo è più colpito. Qui il numero di specie marine è più che raddoppiato tra il 1975 e il 2015. Nei mari italiani si contano 42 nuove specie ittiche. A porre l’accento a livello europeo sul problema delle specie aliene è Asap, il progetto Ue di formazione e informazione sulle specie aliene invasive e i loro impatti sul territorio, di cui Ispra è capofila. “Nonostante i miglioramenti ambientali avvenuti negli ultimi anni – dichiara Antonio Nicoletti, responsabile aree protette e biodiversità di Legambiente – ci troviamo ancora lontani dal raggiungimento dell’obiettivo principale dell’UE di porre rimedio alla perdita della biodiversità e al degrado dei servizi ecosistemici entro il 2020. Sul marine litter, ovvero il fenomeno dei rifiuti dispersi in mare o sulle coste spiega: Il problema dei rifiuti marini costituisce un’emergenza ambientale di proporzioni mondiali e per risolverla è necessario puntare su politiche di prevenzione e sensibilizzazione, su una corretta gestione dei rifiuti e coinvolgendo cittadini e giovani generazioni”. Da anni Legambiente riserva un costante impegno alla tutela del mare e delle sue coste attraverso numerosi progetti, iniziative di volontariato ambientale, attività didattiche, di educazione ambientale e di Citizen scienze.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto