venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Giornata internazionale delle Foreste, Legambiente lancia una web-app per salvarle

Ogni albero piantato sarà georeferenziato e tracciato con l’inserimento in una mappa. Sarà possibile verificarne anche lo stato di salute

La giornata internazionale delle foreste è il 21 marzo: quest’anno l’Onu ha scelto il tema del “ripristino delle foreste: un percorso di recupero e benessere”. Proprio a causa della pandemia è divenuto visibile a tutti i danni dell’uso sconsiderato delle risorse della natura. La maggioranza delle malattie infettive sono causate dal trasferimento di virus dagli animali all’uomo. Un passaggio che viene facilitato dalla distruzione delle foreste: basti pensare che ogni anno nel mondo oltre 10 milioni di ettari di foreste vanno perdute, la stessa area della Corea del Sud.  Per questo l’organizzazione delle nazioni unite suggerisce di piantare alberi, rigenerare le foreste esistenti e crearne di nuove nelle città.

Legambiente: la web-app per salvare le foreste

“Piantare alberi è la soluzione più efficace per la mitigazione dei cambiamenti climatici, grazie alla loro capacità di stoccare carbonio”
– Antonio Nicoletti, Responsabile Aree protette e biodiversità di Legambiente

In occasione della Giornata, Legambiente lancia una piattaforma sul web, realizzata nell’ambito del progetto europeo Life Terra, con la quale sarà possibile monitorare gli alberi piantati, regalarli o adottarli. Infatti ogni albero piantato sarà georeferenziato e tracciato con l’inserimento in una mappa. Grazie a questa applicazione web,  si potranno ricevere aggiornamenti sulla sua crescita e sulla quantità di anidride carbonica sottratta dall’atmosfera. “Piantare alberi è la soluzione più efficace per la mitigazione dei cambiamenti climatici, grazie alla loro capacità di stoccare carbonio – dichiara Antonio Nicoletti, responsabile Aree protette e biodiversità di Legambiente – Attraverso la piattaforma potremo seguire “in diretta” l’avanzamento del progetto e monitorare gli alberi messi a dimora, geolocalizzati e inseriti in una mappa di facile fruizione. Attraverso il web sarà possibile verificarne anche lo stato di salute e ricevere informazioni sulle condizioni del suolo prima e dopo la piantumazione”.

Foreste: 9 milioni di alberi in Italia nei prossimi 5 anni

Nell’ambito del progetto Life Terra, cofinanziato dall’Unione Europea con il Programma Life, in Italia si pianteranno oltre 9 milioni di alberi nei prossimi 5 anni. Il target complessivo del progetto, coordinato dal capofila Stichting Life Terra, è piantare 500 milioni di alberi in 5 anni in tutta Europa, uno per ogni cittadino europeo e contribuire così all’obiettivo della Strategia dell’UE sulla biodiversità che impegna gli stati membri  a piantare 3 miliardi di nuovi alberi entro il 2030.  “Non appena sarà possibile organizzeremo eventi di piantumazione grandi e piccoli in tutte le regioni, con il coinvolgimento dei nostri circoli, delle scuole, del mondo delle imprese e delle istituzioni, con i quali sottoscriveremo accordi e partenariati per raggiungere il target di piantumazione di alberi previsti per il nostro Paese dal progetto Life Terra” conclude Nicoletti.

Leggi anche:
“Progetto di ricerca Sant’Anna di Pisa aumenta la resistenza dei boschi al cambiamento climatico”
di Giorgio Vacchiano e Edoardo Nevola

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto