martedì 11 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Agricoltura: cosa chiedono i gilet arancioni. LA SCHEDA

La protesta dei gilet arancioni a Bari

Risorse per tutelare gli agricoltori della Puglia dalle calamità atmosferiche e da Xylella, più finanziamenti per le attività di coltivazione e revisione della Pac (Politica agricola comune). Sono queste le principali richieste che i gilet arancioni hanno chiesto oggi a Bari nel corso di una partecipata protesta al governo e alle istituzioni locali.

Calamità atmosferiche

La gelata di marzo 2018 ha danneggiato non meno di 90.000 ettari nell’areale delle province di Bari-Bat e Foggia. Per molti di questi ettari olivicoli, nel 2018, non si è ottenuta alcuna produzione. Si tratta di una situazione disastrosa, da profili negativi epocali che rischiano di mettere in ginocchio tutto il settore agricolo pugliese già colpito fortemente dalla xylella. A questo proposito i gilet arancioni chiedono al Mipaaf l’immediato riconoscimento della declaratoria di calamità atmosferica.

Maggiori risorse

I gilet arancioni chiedono poi una dotazione di 100 milioni di euro per compensare la produzione lorda vendibile persa e di adottare una nuova norma che tuteli i lavoratori attraverso la conferma delle giornate dell’anno precedente nei territori colpiti da calamità ufficialmente riconosciute. Inoltre, la defiscalizzazione dei tributi e degli oneri previdenziali per i frantoi, cooperative agricole di trasformazione e frantoi aziendali. Blocco delle rate di mutuo per i frantoi, cooperative agricole di trasformazione e frantoi aziendali e l’apertura di un tavolo tecnico dedicato alla crisi dei frantoi con individuazione di idonee misure. Alla Regione Puglia si chiede la dotazione di 5 milioni di euro per i danni dalla gelata e di rispondere con decisioni inequivocabili, alla questione siccità 2017.

Xylella

Per i gilet arancioni è indispensabile individuare una autorità unica di gestione e coordinamento di tutti gli interventi. “Nel contesto xylella il ruolo delle Organizzazioni di Produttori Olivicoli (OP) è assolutamente nullo – spiegano i ‘gilet arancioni’ – tutto ciò è intollerabile. Bisogna individuare un ruolo preminente delle OP nella gestione di tutte le fase relative alla xylella: dal monitoraggio, alla formazione, all’informazione ed all’assistenza tecnica. Inoltre, si chiede l’approvazione di una norma che permetta l’eradicazione delle piante irrimediabilmente attaccate dal batterio”.

Psr Puglia

Il Piano di Sviluppo Rurale secondo i ‘gilet arancioni’, per quel che riguarda le misure strutturali ad investimento, “è un addensato di inefficienze e di decisioni mai prese. Bisogna fare delle scelte precise che siano a favore, principalmente e quasi esclusivamente, degli agricoltori”. Tra le altre richieste alla Regione Puglia si chiede di “effettuare una revisione delle risorse residue sul PSR per destinarle, principalmente e quasi esclusivamente, alle misure che finanziano gli investimenti delle aziende agricole e delle cooperative agricole”.

Riforma Pac

A fronte del fatto che “sono stati incrementati gli aiuti a colture come il riso, è stata concessa l’elemosina di 20 euro per ettaro per il grano duro, e nulla è stato concesso per una coltura fondamentale e che alimenta molto occupazione come l’olivo” i gilet arancioni chiedono alla Regione Puglia di “attivare una task force di studio, di approfondimento e di proposte sulla riforma della Pac nella quale le organizzazioni del settore abbiano un ruolo preminente”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La "febbre" sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Cave, in Italia 29 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia estratti all’anno

Sono 4.168 le autorizzate, 14.141 le dismesse o abbandonate. L'appello di Legambiente: “Ridurre il prelievo da cave accelerando nella direzione dell’economia circolare”. Oggi alle 15 in diretta streaming la presentazione del dossier Rapporto Cave 2021

Quando le auto elettriche costeranno meno?

Il report di Bloomberg New Energy Finance e Transport & Environment mostra come passare al 100% elettrico per auto e furgoni nuovi tra il 2030 e il 2035 è fattibile in tutti i Paesi dell'UE: tutto dipende dalle scelte che farà la politica

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"
Ridimensiona font
Contrasto