martedì 1 Dicembre 2020

Riscaldamento globale: a rischio sparizione il 60% delle spiagge del Giappone

Un'immagine di una spiagga giapponese

L’innalzamento delle acque causato dal riscaldamento globale potrebbe far sparire entro la fine del secolo fino al 60% delle spiagge del Giappone. Lo afferma un gruppo di scienziati dell’Istituto nazionale per gli studi dell’Ambiente, e altre 27 associazioni del settore, dopo aver analizzato i rapporti sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite a partire dal 2014.

Le zone geografiche a rischio di estinzione vanno dal nord dell’isola dell’Hokkaido, passando dalle spiagge urbane di Sagaminada alla periferia di Tokyo, fino agli atolli del Pacifico di Ogasawara.

In base all’ultimo resoconto, se le temperature dovessero aumentare di circa 4 gradi, il livello del mare lungo le coste dell’arcipelago salirebbe di 60 centimetri, e fino al 96% delle aree costiere del Sol Levante perderebbero gran parte del territorio balneabile.

Il gruppo di scienziati ha calcolato che dei 77 litorali presenti in Giappone 46 sarebbero completamente ingoiati dall’acqua, vale a dire il 60%. Il ministero delle Infrastrutture nipponico ha affermato che l’erosione del terreno è già iniziata a causa dello sviluppo industriale e urbano oltremisura e i danni causati dai tifoni sempre più violenti. Solo nella città di Chigasaki, a sud di Tokyo, la costa si è ritirata di 50 metri in un periodo di circa 50 anni. Gli esperti esortano le autorità a una maggiore pianificazione, per valorizzare l’importanza delle località balneari come mete di turismo, e per attenuare l’erosione del territorio con l’obiettivo di preservare l’ecosistema marino.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,168FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste