sabato 19 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Gestione forestale. L’intervista ad Alessandra Stefani

Dal mensile di novembre – «Il lavoro per i decreti attuativi del Testo unico delle foreste procede alacremente. Due sono già stati pubblicati in Gazzetta ufficiale, un terzo è in attesa di pubblicazione. Un quarto è al ministero dell’Ambiente per il concerto. Altri due importantissimi – viabilità e pianificazione forestale – hanno avuto il concerto dei due ministeri competenti e vanno ora in Conferenza Stato Regioni per l’intesa». Alessandra Stefani, alla guida della direzione generale Economia montana e foreste del Mipaaf, ci aiuta a fare il punto sui processi normativi che riguardano i nostri boschi.

Uno dei problemi nella gestione forestale, che il Testo unico punta a risolvere, è il diverso approccio delle Regioni. Qual è oggi la situazione?
Il percorso è in itinere. Alcuni atti delle Regioni in questi mesi sono già allineati al Testo unico, altri attendono alcuni decreti attuativi, in particolare sulla Strategia nazionale forestale e sulla pianificazione forestale, relativi cioè ai processi che individuano nel concreto, sui territori, i metodi per raggiungere gli obiettivi. Quanto ai decreti, mi preme evidenziare una rilevante innovazione di metodo: la creazione di gruppi di lavoro fra ricercatori, professionisti e personale delle Regioni. Giudicata foriera di appesantimenti dell’iter, la discussione preventiva ha invece agevolato concerti e intese.

A proposito di Strategia forestale nazionale, a che punto siamo?
Nella revisione della prima bozza, avviata dopo la consultazione pubblica, oltre alle novità legate alle 350 osservazioni ricevute sarà necessario prendere atto della “Strategia europea per la biodiversità 2030” e dei principi guida del Recovery fund, in cui è ben presente il tema della biodiversità, ritenuto fra quelli fondanti per la rinascita europea.

Che ruolo potrà avere il nostro patrimonio forestale nel raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo e nel Recovery plan nazionale?
 Un ruolo centrale e strategico. Perché gli obiettivi fissati dall’Unione europea chiedono di impiegare risorse straordinarie per una autentica svolta verso la sostenibilità, la bioeconomia circolare, la creazione di posti di lavoro nuovi e autenticamente green. Per ognuna delle diverse filiere forestali sono innumerevoli i posti di lavoro che si creeranno. Ed è per questo che fondamentale sarà l’opera di formazione professionale e il recupero delle tradizioni che potranno contribuire anche a invertire la tendenza alla concentrazione nelle aree urbane.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto