Germania, il ministro dell’Ambiente chiede una legge più forte sul clima

In apertura del Dialogo sul clima di Petersberg Svenja Schulze ha proposto che il suo Paese aderisca all'iniziativa per la lotta contro i cambiamenti climatici lanciata dal presidente francese Macron: "I nostri sforzi devono essere concentrati a invertire il trend delle emissioni globali"

fotografia di Svenja Schulze (spd)

È iniziato questa mattina a Berlino il ‘Dialogo sul clima di Petersberg’. All’evento internazionale, organizzato nella capitale tedesca per discutere di quali piani mettere in atto per rispettare gli accordi di Parigi e per preparare la prossima conferenza Onu sul clima che si terrà il prossimo dicembre in Cile, prendono parte 35 ministri dell’Ambiente giunti da tutto il mondo. 

In apertura dell’importante appuntamento la titolare del dicastero per l’Ambiente del governo tedesco, Svenja Schulze, ha chiesto che la Germania aderisca all’iniziativa per la lotta contro i cambiamenti climatici lanciata dal presidente francese Emmanuel
Macron, secondo il quale lo sforzo condiviso della comunità internazionale deve essere quello di fermare del tutto le emissioni di Co2 entro il 2050.

Nella Repubblica federale, in particolare tra gli attivisti del movimento Fridays For Future, si erano levate molte critiche nei confronti della cancelliera Angela Merkel la quale, al vertice Ue di Sibiu, in Romania, aveva ribadito che Berlino non intende aderire all’iniziativa. “Mi parrebbe molto sensato stare dalla parte della Francia su questo tema”, ha detto ai giornalisti l’esponente socialdemocratica. La ministra Schuleze ha inoltre ricordato “che tutte i nostri sforzi devono essere concentrati a invertire il trend delle emissioni globali, che continuano a salire”.

Air Jordan For Men