sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

La prima ricerca effettuata con dati satellitari conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

In 23 anni, dal 1994 al 2017, sono andati persi 28 trilioni di tonnellate di ghiaccio, una quantità equivalente a uno strato di ghiaccio spesso 100 metri ed esteso su tutto il territorio del Regno Unito. A rivelarlo è lo studio Earth’s Ice Imbalance, pubblicato sulla rivista The Cryosphere e condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Leeds attraverso l’analisi dei dati di 23 anni di osservazioni satellitari riguardanti 215.000 ghiacciai di montagna sparsi in tutto il pianeta, le calotte polari in Groenlandia e in Antartide, le banchise di ghiaccio antartico e il ghiaccio marino alla deriva nell’Artico e nell’Oceano Meridionale.

I dati suggeriscono che in tutto il pianeta la fusione dei ghiacci sta accelerando ad un ritmo record, soprattutto in Artico e in Groenlandia. Ormai il tasso è in linea con gli scenari peggiori previsti dall’Intergovernmental Panel on Climate Change, la principale autorità mondiale sul clima.

Si stima che la perdita di ghiaccio nel periodo di studio, dal 1994 al 2017, abbia aumentato il livello del mare di 35 millimetri. Il rischio di inondazioni per le comunità costiere è elevato e ci saranno impatti molto gravi anche sulla fauna caratteristica e sugli habitat naturali coinvolti.

Thomas Slater, primo autore della scoperta e membro del Centre for Polar Observation and Modelling della School of Earth and Environment, fa sapere che “Il tasso di perdita di ghiaccio dalla Terra è aumentato notevolmente negli ultimi tre decenni, da 0,8 trilioni di tonnellate all’anno negli anni ’90 a 1,3 trilioni di tonnellate all’anno entro il 2017”. Poco più della metà (58%) della perdita di ghiaccio proveniva dall’emisfero settentrionale e il resto (42%) dall’emisfero meridionale.

Le maggiori quantità di ghiaccio sono state perse dalle banchise galleggianti nelle regioni polari, aumentando così anche il rischio della perdita di albedo. Il bianco, infatti, riflette maggiormente la radiazione solare nello spazio (effetto albedo) ma quando il ghiaccio marino si scioglie viene sostituito dall’acqua scura, che assorbe più calore, accelerando ulteriormente il riscaldamento. Circa due terzi della perdita di ghiaccio è stata causata dal riscaldamento dell’atmosfera, e circa un terzo dal riscaldamento dei mari.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto