sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Fuori dal diesel

Se tutte le automobili fossero elettriche, resterebbe il traffico. Pur con qualche decina di migliaia di morti premature per inquinamento in meno, e non è poco, vivremmo ancora in città congestionate. Ma insieme ai motori stanno cambiando anche i veicoli e il loro uso: saranno pieghevoli, flessibili, connessi, sicuri, a nolo, in condivisione. In futuro, all’occorrenza, sarà facile trovare una bici in sharing o un bus a chiamata, un taxi collettivo o un veicolo a guida automatica (capace di venire a prendermi). Perché, allora, dovremmo avere due auto in famiglia e tutti gli scooter, motorini e biciclette che affollano marciapiedi e garage? Bisogni e tecnologie cambiano insieme, si generano nuovi stili di mobilità. Oggi possediamo 37 milioni di automobili e 12 milioni di altri motori (moto, camion), più delle patenti di guida. Converrà in futuro una mobilità elettrica e meno proprietaria che la tecnologia renderà sempre più accessibile, comoda, sicura. Dal 2001, quando Legambiente ha aperto il primo servizio di car sharing, Milano ha perso 60.000 macchine e attirato centomila nuovi abitanti. Si sta meglio con più metropolitane, ferrovie, una vasta area a pedaggio, quasi 3.000 auto e 15.000 bici in sharing, un referendum cittadino, più popolo e meno auto. Si venderanno più auto in Cina e in India, non da noi. Ma anche le autorità di Pechino e Bombay, congestionate e inquinate più di noi, impongono trasporti elettrici e sostenibili. In Cina, nel 2016 si sono vendute 300.000 e-car, 30 milioni di e-bike e 116.000 bus elettrici, come ci ricorda Paolo Pagliaro in queste pagine. Anche in Europa, a fronte di 200.000 auto si sono vendute ben 3 milioni di bici elettriche, usate tutti i giorni per poter colmare distanze più lunghe di quelle percorse dalle tradizionali. Non pensiamo che basti assecondare l’innovazione tecnologica e il mercato, perché i comportamenti di mobilità sono abitudinari e conservativi. Occorrono politiche lungimiranti e attente, fatte anche di incentivi e disincentivi. E divieti. La Norvegia bandirà la vendita di auto a combustione dal 2025, l’Olanda dal 2035, la Cina impone il 12% elettrico sul venduto dal 2020. Da noi, in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, il primo ottobre è entrato in vigore per 6 mesi il divieto di circolazione dei diesel “Euro2”. Dall’anno prossimo sarà il turno degli “Euro3” e poi degli “Euro4” ed “Euro5”. Diventeranno obsoleti in città dopo 10-15 anni dall’acquisto. Crolla anche il valore dell’usato e sarà sempre meno conveniente il nuovo. Forse, se si farà sul serio, la via d’uscita dal diesel comincia così.  

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto