martedì 19 Gennaio 2021

Il governo francese accelera i tempi sul reato di ecocidio

Nei prossimi giorni verrà presentata in parlamento una nuova proposta di legge. Previsti da un minimo di 3 a un massimo di 10 anni di reclusione e multe fino a 4,5 milioni di euro per chi commette crimini contro l’ambiente. Ma non tutti gli attivisti sono convinti dell’efficacia di queste misure

Il governo francese è al lavoro per l’istituzione del reato di ecocidio per sanzionare i reati contro l’ambiente. L’introduzione del reato di ecocidio era già stato presentato dalla Convenzione cittadina sul clima, un’assemblea composta da 150 cittadini estratti a sorte istituita nel 2019 dal presidente Emmanuel Macron con l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra in Francia.

Adesso la proposta sta iniziando a prendere realmente forma. L’ultima bozza della proposta che nei prossimi giorni verrà presentato in parlamento prevede da un minimo di 3 a un massimo di 10 anni di reclusione per chi commette crimini contro l’ambiente, oltre a multe da 375.000 a 4,5 milioni di euro.

Il governo sta anche ragionando sull’introduzione di un altro tipo di reato per sanzionare chi, trasgredendo la legge, compie azioni che mettano in pericolo l’ambiente anche se poi queste azioni non provocano alcun danno effettivo. A parlarne nei giorni scorsi è stato il ministro della Giustizia Éric Dupont-Moretti, tra i principali promotori del pacchetto di leggi. In questo caso la multa sarebbe di 100.000 euro con un anno di prigione.

Parigi prova dunque ad accelerare sull’introduzione del reato di ecocidio, anche se non tutti sono pienamente convinti dell’efficacia del percorso legislativo intrapreso dal governo francese. Tra i più critici c’è l’attivista ambientale Cyril Dion. “La proposta che verrà presentata ai deputati è infinitamente meno ambiziosa di quella presentata dalla Convenzione dei cittadini e non corrisponde alle definizioni internazionali di ecocidio”, ha dichiarato l’attivista sul suo profilo Twitter.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Incendi in Australia, minacciati gli habitat di 191 specie animali

Tra queste, 49 ne hanno perso più dell'80%. Tra giugno 2019 e febbraio 2020 in totale più di 15mila roghi. Wwf lancia l'iniziativa “Regenerate Australia” per il recupero della fauna selvatica

Mobilità urbana, nel 2020 +84,5% di veicoli a due ruote elettrici venduti

Superati per la prima volta i 10mila veicoli immatricolati. Sale la disponibilità media di piste ciclabili, per i motocicli in calo l'accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici. I dati del quinto rapporto dell’Osservatorio Focus2R promosso da Confindustria Ancma e Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia