sabato 19 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Il governo francese accelera i tempi sul reato di ecocidio

Nei prossimi giorni verrà presentata in parlamento una nuova proposta di legge. Previsti da un minimo di 3 a un massimo di 10 anni di reclusione e multe fino a 4,5 milioni di euro per chi commette crimini contro l’ambiente. Ma non tutti gli attivisti sono convinti dell’efficacia di queste misure

Il governo francese è al lavoro per l’istituzione del reato di ecocidio per sanzionare i reati contro l’ambiente. L’introduzione del reato di ecocidio era già stato presentato dalla Convenzione cittadina sul clima, un’assemblea composta da 150 cittadini estratti a sorte istituita nel 2019 dal presidente Emmanuel Macron con l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra in Francia.

Adesso la proposta sta iniziando a prendere realmente forma. L’ultima bozza della proposta che nei prossimi giorni verrà presentato in parlamento prevede da un minimo di 3 a un massimo di 10 anni di reclusione per chi commette crimini contro l’ambiente, oltre a multe da 375.000 a 4,5 milioni di euro.

Il governo sta anche ragionando sull’introduzione di un altro tipo di reato per sanzionare chi, trasgredendo la legge, compie azioni che mettano in pericolo l’ambiente anche se poi queste azioni non provocano alcun danno effettivo. A parlarne nei giorni scorsi è stato il ministro della Giustizia Éric Dupont-Moretti, tra i principali promotori del pacchetto di leggi. In questo caso la multa sarebbe di 100.000 euro con un anno di prigione.

Parigi prova dunque ad accelerare sull’introduzione del reato di ecocidio, anche se non tutti sono pienamente convinti dell’efficacia del percorso legislativo intrapreso dal governo francese. Tra i più critici c’è l’attivista ambientale Cyril Dion. “La proposta che verrà presentata ai deputati è infinitamente meno ambiziosa di quella presentata dalla Convenzione dei cittadini e non corrisponde alle definizioni internazionali di ecocidio”, ha dichiarato l’attivista sul suo profilo Twitter.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto