lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Francia, 8 miliardi per il settore delle auto elettriche

Futuro della mobilità al Salone di Ginevra

Emmanuel Macron ha annunciato un “piano storico” per difendere l’industria automobilistica del paese e recuperare la “sovranità industriale” nel settore. Un piano da 8 miliardi di euro per rendere la Francia il paese leader nel settore delle auto elettriche.

 Una parte delle risorse messe  disposizione andrà al sostegno della domanda. Il governo approverà una serie di bonus: fino 7mila euro per l’acquisto, da 3 a 5 mila euro per la conversione verso una nuova vettura “pulita”. Entro l’anno prossimo – e non più entro il 2022 – nel Paese saranno inoltre attive 100mila colonnine per la ricarica elettrica

Ma non è tutto. Sarà attivato anche un fondo da 500 milioni di euro (dei quali 100 a carico dei costruttori) per modernizzare la filiera, consolidare le reti dei fornitori e sostenere ricerca e innovazione. La Renault, che è pubblica, parteciperà al consorzio europeo per lo sviluppo delle batterie, una delle condizioni per ottenere la garanzia statale sul prestito da cinque miliardi concesso dalle banche, insieme all’impegno di quadruplicare la produzione di veicoli elettrici entro il 2024 e di stringere un accordo con i sindacati per favorire la rilocalizzazione. Psa, da parte sua, produrrà almeno 450mila vetture in Francia.

L’obiettivo di Macron è quello di incrementare una produzione tecnologicamente più avanzata. In particolare aderire al piano europeo di sviluppo riguardo all’auto elettrica, volto a ridurre la dipendenza dalla Cina, e farsi spazio nel settore delle auto a guida assistita, complici i progressi dell’intelligenza artificiale. In questo settore, è molto forte la regione dell’Ile de France. Secondo i piani del presidente la Francia dovrà diventare il primo produttore di auto pulite in Europa entro cinque anni, con un milione di vetture l’anno.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto