sabato 28 Novembre 2020

Francia, 8 miliardi per il settore delle auto elettriche

Futuro della mobilità al Salone di Ginevra

Emmanuel Macron ha annunciato un “piano storico” per difendere l’industria automobilistica del paese e recuperare la “sovranità industriale” nel settore. Un piano da 8 miliardi di euro per rendere la Francia il paese leader nel settore delle auto elettriche.

 Una parte delle risorse messe  disposizione andrà al sostegno della domanda. Il governo approverà una serie di bonus: fino 7mila euro per l’acquisto, da 3 a 5 mila euro per la conversione verso una nuova vettura “pulita”. Entro l’anno prossimo – e non più entro il 2022 – nel Paese saranno inoltre attive 100mila colonnine per la ricarica elettrica

Ma non è tutto. Sarà attivato anche un fondo da 500 milioni di euro (dei quali 100 a carico dei costruttori) per modernizzare la filiera, consolidare le reti dei fornitori e sostenere ricerca e innovazione. La Renault, che è pubblica, parteciperà al consorzio europeo per lo sviluppo delle batterie, una delle condizioni per ottenere la garanzia statale sul prestito da cinque miliardi concesso dalle banche, insieme all’impegno di quadruplicare la produzione di veicoli elettrici entro il 2024 e di stringere un accordo con i sindacati per favorire la rilocalizzazione. Psa, da parte sua, produrrà almeno 450mila vetture in Francia.

L’obiettivo di Macron è quello di incrementare una produzione tecnologicamente più avanzata. In particolare aderire al piano europeo di sviluppo riguardo all’auto elettrica, volto a ridurre la dipendenza dalla Cina, e farsi spazio nel settore delle auto a guida assistita, complici i progressi dell’intelligenza artificiale. In questo settore, è molto forte la regione dell’Ile de France. Secondo i piani del presidente la Francia dovrà diventare il primo produttore di auto pulite in Europa entro cinque anni, con un milione di vetture l’anno.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,148FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”