venerdì, Ottobre 23, 2020

“Fra recinti, smottamenti e incuria, metà tragitto era sparito”

La riattivazione del Sentiero Italia è frutto dell’opera dei volontari del Club alpino italiano. Ne abbiamo parlato con il vicepresidente Antonio Montani.

Che situazione avete trovato?
Oltre il 50% del Sentiero Italia era scomparso per diversi motivi: vegetazione che ha richiuso il sentiero, privati che hanno recintato porzioni di terreno, smottamenti…
Quante persone sono impegnate?
Abbiamo 24 gruppi regionali attivi con 3.400 accompagnatori di escursionismo impegnati nella verifica di tutte le tappe, in interazione con il gruppo “Sentieri e cartografia” per le operazioni di rilievo e segnatura in bianco e rosso. Ma il progetto non è solo la risistemazione fisica, prevediamo svariati eventi lungo il 2019. Sarà online un apposito sito, all’interno del portale del Cai; per ogni tappa saranno riportate le caratteristiche e si potrà verificare, in tempo reale, lo stato delle cose: se il colore è verde significa che è percorribile, gli altri colori segnalano un problema.
C’è un problema vandalismo sulla segnaletica?
C’è in quelle regioni dove non si è ancora capito che la fruizione dei sentieri ha una ricaduta economica sui territori, in Campania in particolare. In Sardegna abbiamo un problema diverso.
Quale?
C’è la convinzione che le guide locali possano lavorare se i sentieri non sono segnati. Ed è un peccato perché la Sardegna offre un’accoglienza strepitosa e ha potenzialità enormi, lì con l’escursionismo si può lavorare anche fuori stagione, a differenza delle Alpi. Il Sentiero Italia nell’entroterra è bellissimo: quello che manca sono i posti tappa. Chi volesse aprire un agriturismo o un rifugio troverebbe riscontro. Le istituzioni sarde ci stanno aiutando e ciò è positivo

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,879FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste