mercoledì 23 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Fotografia, fino al 21 settembre iscrizioni aperte per #luoghiripresi

#luoghiripresi concorso fotografia

Ci sono ancora pochi giorni per iscriversi alla settima edizione del Festival del giornalismo culturale con il concorso #luoghiripresi, il cui obiettivo è la valorizzazione e la promozione turistica delle aree interne della regione Marche colpite dal sisma.

Il concorso è gratuito, aperto a tutti i fotografi, sia amatori che professionisti, e prevede un premio di 500 euro. I fotoreporter dovranno condividere fotografie o video (da uno a tre) sul proprio profilo pubblico di Instagram, di scorci, atmosfere, momenti e paesaggi di un luogo che pur essendo stato colpito dal sisma evochi il desiderio di essere scoperto e visitato per la bellezza del patrimonio paesaggistico e culturale che conserva correlate da una descrizione scritta o parlata con l’hashtag #luoghiripresi e menzionando l’account @fgcult. Entro il 21 settembre 2019 i candidati devono avere pubblicato i contenuti sul proprio profilo Instagram e i documenti (fotografia o video) dovranno essere inviati anche tramite e-mail entro e non oltre le ore 13 del 23 settembre 2019.

La pubblicazione del vincitore avverrà entro il 28 settembre 2019. La premiazione si terrà nell’ambito del Festival del giornalismo culturale il giorno 06 ottobre 2019 a Urbino al Palazzo Ducale. Il premio, di 500 euro, sarà assegnato da un’apposita giuria.

L’iniziativa è sostenuta da Svim Società Sviluppo Marche. “Con il concorso #luoghiripresi – ha dichiarato l’Amministratore Unico di Svim Gianluca Carrabs – abbiamo voluto dare un’opportunità a tutti coloro che amano la fotografia, la comunicazione e il nostro territorio. Il tutto è stato fatto per poter incentivare non solo l’occupazione che è elemento sostanziale della mission di SVIM, ma allo stesso tempo, di dare un forte messaggio della bellezza della nostra regione, della valorizzazione dei suoi patrimoni naturali e della comunicazione degli stessi in ambito turistico, il tutto nel grande contesto della cultura come strumento fondamentale per comprendere il mondo”. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sharing mobility: partito il crowdfunding per il film “Un viaggio condiviso”

Su Produzioni dal basso un progetto che ha lo scopo di diffondere la cultura della mobilità sostenibile e condivisa. Il protagonista è il fotografo Marco Nero Formisano, da sempre attivo sui temi della sostenibilità

Arriva il cinema in ospedale per bambini e ragazzi

Settanta film, corti e lungometraggi, tra animazione, finzione e documentario. Adatti a diverse fasce d’età per i piccoli pazienti, nella piattaforma cinemainospedale.it

Abusivismo edilizio e demolizioni: una Penisola spaccata in due

Nel Sud Italia le demolizioni sono ferme al palo mentre il Nord italia fa più controlli, sanziona l'abuso e demolisce. Tutti i dati del dossier Abbatti l’abuso di Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sharing mobility: partito il crowdfunding per il film “Un viaggio condiviso”

Su Produzioni dal basso un progetto che ha lo scopo di diffondere la cultura della mobilità sostenibile e condivisa. Il protagonista è il fotografo Marco Nero Formisano, da sempre attivo sui temi della sostenibilità

Arriva il cinema in ospedale per bambini e ragazzi

Settanta film, corti e lungometraggi, tra animazione, finzione e documentario. Adatti a diverse fasce d’età per i piccoli pazienti, nella piattaforma cinemainospedale.it

Gianni Rodari: l’errore come conoscenza

“Sbagliando s'impara, è vecchio proverbio. Il nuovo potrebbe dire che sbagliando s'inventa” scrive nella Grammatica della fantasia. Perché l’errore è un processo generativo di storie e di saperi

Amazzonia, il battello Amalassunta diviene una scuola galleggiante

Lo scrittore Angelo Ferracuti e il fotografo Giovanni Marrozzini percorreranno 2000 Km sul Rio Negro con una barca che diventerà poi una scuola a Manaus. Grazie anche ad una raccolta fondi

Mercato della frutta: perché quella bella non sempre è buona per l’ambiente e l’agricoltura

A raccontarlo è il dossier dell'associazione Terra!: indaga l’impatto di regole di commercializzazione e sistemi di mercato sull’agricoltura, costretta a produrre frutta esteticamente perfetta. Un’impresa sempre più difficile a causa della crisi climatica
Ridimensiona font
Contrasto