mercoledì 20 Gennaio 2021

Forum QualEnergia 2020, per un italiano su tre il settore energetico al centro della transizione

Questo e altri rilevanti dati emergono dal sondaggio Ipsos “Gli italiani e l’energia”, presentato alla seconda giornata del Forum organizzato da Legambiente, La Nuova Ecologia e Kyoto Club

Nella seconda giornata del XIII edizione Forum QualEnergia sono stati presentati i risultati del sondaggio Ipsos “Gli italiani e l’energia” realizzato per Legambiente e La Nuova Ecologia. Tra i dati più rilevanti che emergono dal sondaggio di Ipsos, presentato oggi da Andrea Alemanno, responsabile Ricerche Sostenibilità IPSOS, e da Luca Biamonte, direttore Relazioni Esterne e Comunicazione Editoriale La Nuova Ecologia, c’è quello secondo cui per oltre un italiano su tre (il 36% degli intervistati) il settore energetico potrebbe essere quello trainante nella transizione verso uno sviluppo sostenibile. Il dossier evidenzia al contempo come più di un cittadino su quattro (il 26%) tema che la transizione energetica non avrà mai luogo. Tra gli ottimisti che fissano invece un orizzonte temporale per l’abbandono delle fossili (il 71% degli intervistati), la maggior parte (il 57%) ritiene che questo avverrà entro il 2050.

Ma non solo. Gli italiani si confermano sempre più familiari con il tema delle rinnovabili (il 55% degli intervistati), ma con una conoscenza poco approfondita della materia: appena il 6%, infatti, dichiara di saperne molto. Tra le fonti rinnovabili, il sole è considerato dal 51% quella più adatta alla produzione d’energia su vasta scala e con minore impatto su ambiente e società, seguito a distanza dall’uso delle biomasse e dal vento, specie tramite l’eolico su terra. Gran parte degli intervistati ritiene inoltre che Recovery Fund ed Europa possano rivelarsi determinanti per lo sviluppo e la diffusione delle rinnovabili. Quanto ai comportamenti che ciascuno si dice disposto ad adottare a tutela dell’ambiente, al primo posto viene citata la sostituzione degli elettrodomestici con quelli a basso consumo, seguita a ruota dalla scelta di fornitori energetici che utilizzano soltanto fonti rinnovabili.

“Il sondaggio – commenta Francesco Ferrante, vicepresidente del Kyoto Club – conferma che in questi anni si sono fatti grandissimi passi avanti nella consapevolezza dei cittadini italiani sia sulla gravità e le responsabilità della crisi climatica sia sul ruolo che la transizione energetica, con la rivoluzione delle rinnovabili e in particolare del fotovoltaico, può avere per cambiare strada e creare nuove opportunità di nuova economia e di lavoro. Un risultato ottenuto grazie anche all’Europa, più marcato proprio con il lancio di Next Generation Eu in seguito alla crisi pandemica. Ma c’è ancora molto lavoro da fare per convincere che si tratta di un obiettivo perseguibile e realistico e vincere la diffidenza di chi ritiene (almeno un quarto dei cittadini secondo il sondaggio) che invece non ci sia la possibilità di sostituire davvero in un orizzonte temporale plausibile i fossili”.

“La ripresa passa necessariamente dalla sostenibilità e dalla circolarità – sottolinea Giancarlo Morandi, presidente di Cobat – E questo vale ancor più per il settore energetico, con le fonti rinnovabili che devono essere doppiamente pulite, grazie al riuso e riciclo dei materiali. È il caso del fotovoltaico, con i moduli che non solo possono avere una seconda vita, ma innescare un circolo virtuoso: l’energia prodotta può essere infatti immagazzinata in pacchi di batterie che prima alimentavano le auto elettriche e ora trovano un nuovo utilizzo nello storage. Un perfetto esempio di circolarità dei prodotti, applicato alla transizione energetica”.

I prossimi appuntamenti

Il Forum QualEnergia è il sesto di sette incontri tematici organizzati da Legambiente con istituzioni, imprese e associazioni per individuare le migliori proposte per il Piano nazionale di ripresa e resilienza che il Governo italiano dovrà presentare in Europa entro aprile 2021. Il prossimo e ultimo appuntamento è la presentazione del Rapporto Ecomafia 2020 (11 dicembre).

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento