giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Un modo nuovo di parlare di food sul web: parte la rubrica FoodHacker

Il format è dedicato a cibo e dati nell’epoca della pandemia: cinque puntate con noti food influencer chamati a indagare il rapporto tra cibo e digital nel passaggio dal #foodporn al #foodlove. Tra i partner anche La Nuova Ecologia

Si chiama FoodHacker, parte dal 21 aprile ed è la rubrica lanciata da RuralHack dedicata a cibo, dati e influencer nell’epoca della pandemia. Si tratta di un format di 5 puntate con noti food influencer chamati a indagare il rapporto tra food e digital nel possibile passaggio dal #foodporn al #foodlove. D’altronde, sempre di più il cibo è uno dei topic più trattati sul web, con i vari hashtag #food e #foodporn che puntualmente occupano i primi posti fra le classifiche di analisi delle conversazioni online.

RuralHack in onda dal 21 aprile

E così, dal 21 aprile e per i successivi 4 mercoledì sarà visibile una puntata a settimana della rubrica sui canali social di RuralHack e dei vari partner e protagonisti, e un articolo di approfondimento annesso sul sito AgriFood Today. Il format è realizzato da RuralHack nei programmi di ricerca/azione portati avanti con il Dipartimenti di Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in partnership con AgriFood Today, Museo Vivente della Dieta Mediterranea, Identità Insorgenti, La Nuova Ecologia, Osservatorio Giovani e con il supporto di Europa Today, Napoli Today, Societing4.0 e PIDMed.

Cos’è il food porn

Per chi non lo sapesse food porn è un termine che comunemente definisce la pratica di chi fotografa e condivide sui social media immagini di cibo, ma che ormai viene utilizzato per indicare in generale la sovraesposizione mediatica del food. Si tratta di un fenomeno di dimensioni importantissime, al momento in cui si scrive l’espressione “food porn” conta 25.100.000 risultati su Google, una voce su Wikipedia, varie pagine Facebook con milioni di like, 241.637.289 post con l’hashtag #foodporn su Instagram.

Com emerge dai dati di Blogmeter anche nei mesi del lockdown, in base alla classifica delle sei attività/contenuti maggiormente seguiti sui social e con più interazioni, connessi all’hashtag #iorestoacasa, il primo posto è stato occupato dal cucinare. Bambini, ragazzi e adulti, uomini e donne, food influencer e celebrities: chiunque ha impegnato il tempo in cucina e a condividere sui propri social piatti di ogni tipo e infatti, tra gli hashtag più menzionati dagli italiani tra il 12 e il 15 marzo si ritrovano #food (5,2K) e #foodporn (5,1K).

FoodHacker dal #foodporn al #foodlove

Come detto, la rubrica FoodHacker è un format di 5 puntate video e articoli di accompagnamento che indaga come cambiano le relazioni tra cibo e digitale nell’epoca del Covid, realizzato da RuralHack nei programmi di ricerca/azione portati avanti con il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli. Il format prevede una puntata introduttiva e a seguire 4 puntate tematiche su: digital food e lockdown, Dieta Mediterranea, la qualità alimentare e la sua comunicazione e un’ulteriore puntata dedicata al tema del food influencer marketing. Queste tematiche vengono affrontate da 4 noti food influencer della rete e da un’esperta di marketing e comunicazione del food.

FoodHacker intende “hackerare”, ricombinare il concetto di #foodporn cercando di capire se alcune parti della sua grammatica possano essere utilizzate per il cibo di qualità ripristinando un rapporto di amore tra cibo e pubblici interconnessi. I temi sono trattati dunque da diversi punti di vista, da operatori del settore e da food influencer differenti, per offrire una visione del fenomeno che ormai fa parte delle maglie della rete, del marketing, della vita online ma anche off-line, in un momento decisamente particolare come questo della pandemia. Ci si chiede se possono questi mezzi digitali e queste figure che si muovono nell’infosfera influenzare gli stili di vita e le abitudini alimentari, ridisegnare i significati della qualità, trasmettere valori e concetti legati al cibo. Con questo format, con tutta la ricerca che c’è dietro e i suoi futuri sviluppi, si cerca di capire se il digitale può aiutare nel segnare il passaggio dal #foodporn al #foodlove in maniera significativa e innovativa.

FoodHacker, i protagonisti

I protagonisti di questa prima edizione sono alcuni dei principali food influencer della rete, tutti molto diversi tra di loro ma scelti proprio sulla base delle loro peculiarità rivelatesi molto interessanti:

  • Karen Phillips, wine e food blogger nonché sommelier, di origini americane, scrive i suoi articoli sul suo blog andiamotrips.blogspot.com, nato nel 2009, in cui racconta minuziosamente ai suoi utenti le sue esperienze in ristoranti stellati e non, aziende agricole, pasticcerie, aziende vinicole; descrivendo location, piatti e storie di vari chef nei minimi particolari, il tutto dal suo punto di vista unico;
  • Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico, fondatore del Luciano Pignataro Food&Wine Blog e autore di numerosi libri sulla tradizione culinaria e vinicola campana e italiana in generale. Attraverso i suoi canali sul web recensisce prodotti e locali del nostro Paese e contribuisce da anni a divulgare i principi della Dieta Mediterranea. È infatti ambasciatore della Dieta Mediterranea nel mondo e testimone delle principali esperienze che tramandano i saperi e i sapori di questo stile di vita. Al centro dei suoi interessi la ristorazione di qualità, la difesa dei prodotti tipici e dell’agricoltura ecocompatibile;
  • Sonia Peronaci, capostipite delle food blogger italiane, cuoca, scrittrice e conduttrice televisiva, è nota per essere stata la fondatrice di Giallozafferano, fra iprimi food blog ricchissimo di ricette. Oggi è a capo del sito soniaperonaci.it dove giornalmente si spende per far conoscere ai suoi utenti ricette, trucchi e segreti della cucina casalinga;
  • Flavia Corrado, meglio nota come Zia Flavia foodn’boobs, food blogger partenopea trapiantata a Milano, gioca molto sulla relazione tra cibo e corpo, mescolando alle sue recensioni su prodotti e locali una buona dose di provocazione e ironia;
  • Valentina Castellano, sociologa campana, specializzata in comunicazione e marketing, attualmente riveste il ruolo di social media manager, responsabile comunicazione ed eventi presso diverse strutture del settore food.

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

    SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto