venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Fiab per la bici a pedalata assistita

bici

di Andrea Poggio * responsabilità Mobilità sostenibile Legambiente

La bicicletta a pedalata assistita convince anche la maggiore associazione di ciclismo urbano, gli ambientalisti convinti della Federazione italiana amici della bicicletta. È recente l’articolata presa di posizione (http://www.fiab-onlus.it/bici/attivita/varie/item/1598-pedalata-assistita-fiab.html): una relazione del direttore generale dell’associazione, Francesco Baroncini, davanti a tutti i presidenti delle associazioni cittadine del 26 novembre scorso a Genova, un dossier e una presentazione di dati di mercato dell’Ancma (l’associazione dell’industria produttrice). Una riflessione (e una svolta annunciata) che parte dal congresso nazionale del 2012, ad Arezzo, contrassegnata da un “atteggiamento distaccato e diffidente”, ammettono nei documenti ufficiali.

Ma ora la conversione è chiara: “la bici a pedalata assistita ha tutti i vantaggi della bicicletta tradizionale” e in più la prerogativa di avvicinare all’uso quotidiano della bici anche la popolazione italiana che vive nelle nostre città collinari: grandi come Roma, Genova, o medie come Siena, Potenza. Per tutti, la bicicletta a pedalata (pedelec, l’acronimo tecnico) permetterebbe di allungare significativamente i percorsi quotidiano del ciclista e sostituire una quota maggiore di mobilità privata automobilistica.

Ma una distinzione è d’obbligo, come sottolinea Fiab nel documento sotto la voce “problemi”: per direttiva europea, i motori della pedelec hanno una potenza di 0,25 kW, che si riduce progressivamente al crescere della velocità sino ad azzerarsi quando il veicolo raggiunge i 25 Km all’ora. Il motore si aziona solo se il ciclista pedala. Insomma l’assistenza elettrica non elimina il moto, la pedalata, ma permette di attenuare lo sforzo in riprese e in salita. Inalterati dunque gli effetti benefici sulla salute del ciclista abituale e annullati i rischi di incidenti per la velocità. Vincoli che, per le e-bike da velocità o per i motorini elettrici, ovviamente non ci sono. Le biciclette elettriche prodotte in Europa devono infatti rispettare precise norme di sicurezza, sia per la parte ciclistica che per la parte elettrica (EN 14764 e EN 14194):le stesse norme dovrebbero essere rispettate per gli importatori. A causa dei pochi controlli, il condizionale è d’obbligo.

Giuste distinzioni e importanti i “problemi” sollevati da Fiab. Che tradiscono un confronto appassionato tra amanti delle due ruote: quel po’di motore elettrico che toglie un po’ di fatica, di capacità di regolare gli sforzi, di misurare le proprie capacità, va considerato un tradimento della bici? Del mezzo più ecologico e furbo che l’uomo abbia mai inventato? Noi come Fiab rispondiamo, a certe condizioni, assolutamente no.

La presa di posizione di Fiab ha un valore culturale e politico, perché riconosce e stimola i comuni e i pianificatori a tener in maggior conto della bicicletta nel futuro del traffico, nella sosta, nei controlli antifurto, nel ridisegno delle strade. La bicicletta a pedalata assistita ha ancora un ruolo marginale in Italia, appena 56mila vendute nel 2015, ancora prevalentemente mountain bike. Non è così in Europa, dove se ne sono vendute 1 milione e 357 mila nel 2016 e si supererà il milione e 700mila nel 2016: in Europa solo il 20% sono mtb per il tempo libero, l’80% delle e-bicke serve gli spostamenti quotidiani. In Olanda, paese di 16 milioni di abitanti, quasi tutti ciclisti, le bici a pedalata assistita sono oltre un milione, in Germania nel 2016 se ne sono vendute 560 mila, dieci volte l’Italia, e il circolante sono oltre 3 milioni. Ma il primo mercato al mondo per la bici elettrica non è europeo: in Cina ne circolano 200 milioni e solo lo scorso anno se ne sono vendute 35.

Una considerazione finale, tanto per discuterne appassionatamente tra ciclisti nelle città d’Italia: le bici che invaderanno l’Italia non saranno solo un po’ più elettriche, ma dotate di cinghia in poliuretano, forse cambio automatico, elettronica, App, blocco antifurto. Si trasformerà, come sta accadendo al monopattino,alle tavole (o skateboard) al monoruota giroscopico con motore elettrico e ad altri mezzi di cui non esiste ancora traduzione in italiano, come il segway, l’overboard…

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto