venerdì 22 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Ennesima strage di cetacei alle Far Øer

Nell’arcipelago nord europeo, a pochi giorni dalla mattanza di 1.500 delfini, sono state uccise altre 52 balene pilota. In nome di una tradizione che fa discutere

Il rumore del mare, il vociare degli uomini intervallato dalle risate dei bambini, l’acqua rossa di sangue che bagna i corpi senza vita di centinaia di animali. Sono immagini crude quelle della mattanza avvenuta il 12 settembre nelle isole Far Øer, fotogrammi tanto difficili da guardare quanto da descrivere: 1.428 delfini leucopleuri spinti a riva e uccisi in poche ore. Mai così tanti in una volta sola. Pochi giorni dopo, a pochi km di distanza, la stessa sorte è toccata a 52 balene pilota, delfini di grandi dimensioni che possono raggiungere i 6 metri di lunghezza. Numeri impressionanti ma che non bastano a raccontare fino in fondo la cruda realtà della grindadráp, una tradizione vecchia di secoli per i faroesi.

Nelle Isole Far Øer, arcipelago situato a nord della Gran Bretagna, sono 23 le spiagge “designate” alla mattanza, ed è lo stesso governo a dare una stima degli animali coinvolti: sono circa 600 le balene pilota uccise in media ogni anno, a cui si bisogna aggiungere decine di delfini leucopleuri e cetacei di altre specie. Stime al ribasso, almeno secondo organizzazioni come Sea Shepherd. Gli abitanti dell’arcipelago sono in larga parte convinti che la tradizione vada difesa, la considerano un modo sostenibile di ottenere cibo e un aspetto fondamentale della loro identità culturale. Una tradizione che però è cambiata molto negli ultimi anni: le barche con cui gli animali oggi vengono spinti a riva sono infatti scafi a motore, le cui eliche spesso colpiscono i cetacei ferendoli gravemente. Vengono inoltre utilizzati coltelli speciali e tute in neoprene per proteggersi dal freddo delle acque oceaniche.

Pratiche di caccia ai cetacei praticamente identiche sono ancora consentite in Groenlandia, dove ad essere uccise sono prevalentemente le balene pilota, e in Giappone, dove nella baia di Taiji migliaia di delfini di specie diverse vengono uccisi durante la sanguinosa stagione di caccia che si tiene ogni anno, tra settembre e marzo, e che per i residenti rappresenta non tanto una tradizione ma una discutibile fonte di reddito. Nel caso della grindadráp non ci sono ragioni economiche: la carne e il grasso degli animali uccisi sono distribuiti fra tutti i membri della comunità che hanno preso parte alla caccia. Ed è proprio l’idea di distribuire il cibo fra i membri della comunità uno degli argomenti utilizzati dai faroesi per giustificare il perpetuarsi della loro tradizione, nonostante il consumo della carne e del grasso di questi animali non sia più così diffuso come in passato. Negli ultimi anni le autorità locali hanno anche raccomandato di non assumere carne di cetacei più di una volta al mese e di non mangiarne reni e fegato a causa delle alte dosi di mercurio, e altre sostanze nocive, presenti nella carne di questi animali.

C’è un ultimo aspetto da tenere in considerazione, che rende la tradizione delle Isole Far Øer – come altre simili ad altre latitudini – ancora più crudele, se possibile. Le balene pilota, i delfini atlantici e le altre specie di cetacei sono animali sociali, che vivono in gruppi formati da decine, se non centinaia, di individui. E sono proprio questi forti legami sociali a impedire ai membri di un gruppo di lasciare indietro gli animali feriti o uccisi. Un aspetto che contribuisce a rendere questi animali le prede ideali per i metodi di caccia utilizzati durante la grindadráp.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Cop26, fuga di documenti rivela che alcuni Stati cercano di alterare il rapporto Ipcc

Sotto accusa Giappone, Australia e Arabia Saudita, ma anche Brasile e Argentina. Secondo quanto scoperto da Greenpeace Uk, pubblicato dalla Bbc, alcuni Paesi stanno tentando di migliorare il Rapporto Ipcc per negare la necessità di interventi drastici contro il cambiamento climatico

Mobilità, l’88% degli italiani usa mezzi privati, cala il trasporto pubblico, riprende la sharing mobility

Il primo sondaggio di Ipsos per l'Osservatorio sugli stili di mobilità in Italiai. Le proposte di Legambiente al Ministro Giovannini: "città 15 minuti, trasporto pubblico elettrico, abbonamenti integrati a Tpl e sharing mobility"

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili

#EveryTrickCounts, il calcio in campo contro i cambiamenti climatici

Al via la campagna di Uefa e Commissione europea per sensibilizzare sull'importanza di piccoli gesti quotidiani per salvare il nostro pianeta dalla crisi climatica. Testimonial dello spot Luis Figo, Delphine ed Estelle Cascarino e Gianluigi Buffon / GIOCHI SENZA IMPATTO

Riciclo, in Italia raccolte 7 milioni di tonnellate di carta nel 2020

Di queste, 5 milioni sono state utilizzate nel mercato interno e le rimanenti 2 esportate. I dati del rapporto 2021 di Unirima, l’Unione nazionale imprese recupero e riciclo maceri
Ridimensiona font
Contrasto