mercoledì 20 Gennaio 2021

Ex Ilva, Legambiente: “Vaghe e poco credibili le promesse di decarbonizzazione”

Nota congiunta del presidente nazionale Stefano Ciafani e dei presidenti di Legambiente Puglia e Legambiente Taranto. Preoccupazioni anche sul fronte sanitario: “Non si può aspettare inerti gli esiti di future indagini epidemiologiche che, ex post, ci dicano che a Taranto si è continuato a morire di acciaio”

“Vaghe e poco credibili”. Legambiente definisce così le promesse di decarbonizzazione al centro dell’ultimo accordo raggiunto tra il governo italiano e ArcelorMittal, società proprietaria degli impianti ex Ilva di Taranto. “È incredibile che, a diversi giorni dalla definizione dell’ennesimo accordo sul futuro dell’ex Ilva, si continui a dover far riferimento a note stampa o ad indicazioni generiche e sovente contraddittorie” – dichiarano Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, e  Lunetta Franco, presidente di Legambiente Taranto – È però evidente che, allo stato, resta del tutto assente quella che per Legambiente è la premessa a qualunque ipotesi di conservazione della produzione di acciaio a Taranto e cioè l’assoggettamento degli impianti ad una valutazione preventiva del loro impatto sanitario che escluda danni inaccettabili per la salute di cittadini e lavoratori. Ed è intollerabile che si prospetti il progressivo incremento dei livelli produttivi senza stabilire a priori che neanche un grammo di acciaio debba essere prodotto senza  la certezza dell’assenza di nuovi morti. La VIIAS, la valutazione integrata dell’impatto ambientale e sanitario, è per Legambiente la questione dirimente: se manca, è un accordo inaccettabile: si produce sulla pelle dei tarantini. Se i Mittal non sono d’accordo il Governo ha il dovere di procedere autonomamente, anche attraverso l’emanazione di un decreto legge immediatamente esecutivo: non si può aspettare inerti gli esiti di future indagini epidemiologiche che, ex post, ci dicano che a Taranto si è continuato a morire di acciaio”.

L’impegno ad una progressiva decarbonizzazione, poi, viene declinato in modo generico, senza fornire date certe che scandiscano nitidamente il suo futuro inverarsi e appare perciò fumoso e poco credibile. Abbiamo letto che “si spegneranno i due altoforni più vecchi, si spegneranno le batterie più vecchie”. Ma quando verranno spenti i due altoforni? Quante e quali cokerie rimarranno in funzione e fino a quando? In che modo si pensa di  conciliare la prospettiva di una progressiva decarbonizzazione con l’annunciato rifacimento di AFO5?” continuano Stefano Ciafani, Francesco Tarantini e Lunetta Franco – “E cosa intende proporre il Governo in merito all’utilizzo dei fondi europei del Just Transition Fund? A che punto è l’elaborazione del piano territoriale per una transizione giusta relativo ai territori di Taranto e Brindisi,  per sostenere lavoratori, PMI, start-up e incubatori nello sviluppo di nuove opportunità economiche, dei green job,  per diversificare il tessuto produttivo e lasciarsi alle spalle la monocultura dell’acciaio?”.

“Noi crediamo che, se si vuol mantenere una produzione di acciaio, sia prioritaria a Taranto la costruzione del forno elettrico e la realizzazione di un polo dell’idrogeno verde, che comprenda un impianto sperimentale che utilizzi  l’idrogeno per produrre acciaio in maniera davvero pulita con l’obiettivo di arrivare in pochi anni ad  una capacità produttiva di almeno un milione di tonnellate all’anno, sulla falsariga di quanto avverrà in Svezia con il progetto Hybrit” – concludono i presidenti nazionale, pugliese e tarantino di Legambiente – Pensare che in un futuro non troppo lontano l’industria dell’acciaio possa essere ancora dominata dal ciclo integrale del carbone è del tutto miope: anche per Taranto è tempo di orientarsi verso modelli produttivi industriali sostenibili, in linea con gli obiettivi europei”.

Leggi anche l’intervista a Salvatore Romeo, autore del libro L’acciaio in fumo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento