giovedì, Ottobre 29, 2020

Ex Ilva, il ministro Costa chiede a Ispra chiarezza su diossina

foto di Sergio Costa

Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha chiesto all’Ispra di compiere accertamenti sui valori di diossina a Taranto. A quanto si è appreso dal dicastero, “i dati rilevati dalle centraline diffusi da associazioni ambientaliste (Peacelink, ndr) e da Angelo Bonelli dei Verdi risultano parzialmente diversi e non sono confrontabili, oltre a non essere stati validati dall’Arpa”.

Per questo, il ministro Costa ha chiesto al direttore generale dell’Ispra, Alessandro Bratti, di disporre delle verifiche. Questi ha incaricato l’ufficio del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente di controllare i rilevamenti dell’Arpa per dissipare i dubbi. Il ministro, si è appreso ancora, si è messo in contatto anche con il prefetto di Taranto.

“Il ministro Costa invece di commissariare Arpa Puglia, faccia fare i controlli che aveva promesso, considerato che oggi (2 marzo, ndr) il sindaco ha chiuso le scuole di Taranto e gli elettrofiltri per bloccare la diossina sono danneggiati”. Per Angelo Bonelli, “il ministro Costa si comporta come i suoi predecessori e come l’allora ministro Clini, che di fronte alla nostra denuncia sui dati della mortalità disse che erano falsi perché non validati tranne poi dover ammettere dopo poche settimane che i dati erano corretti”.

La dichiarazione del ministro Sergio Costa, ha sostenuto ancora il leader dei Verdi, “è sconcertante perché avviene nel giorno in cui il sindaco di Taranto chiude le scuole e i sindacati di base denunciano i danni agli elettrofiltri con tanto di foto e video, ed è scandaloso che Costa tenti di minimizzare un gravissimo problema ed è altrettanto scandaloso che un ministro dell’Ambiente abbia consentito che ad Arcelor Mittal fosse concessa l’immunità penale e civile”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,911FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Vaia, due anni dopo: gli alberi schiantati diventano l’edificio in legno più alto d’Italia

Un progetto di social housing a Rovereto: 9 piani per 29 metri, costruito con il prezioso legno degli alberi caduti, grazie al lavoro di aziende certificate PEFC e aderenti alla Filiera Solidale

Ciao Rita

Il Covid-19 ci ha portato via Rita Tiberi ed è un immenso dolore. È stata una colonna portante di Legambiente praticamente da sempre, in...