mercoledì 20 Gennaio 2021

L’Europa verso la neutralità climatica: sì alla nuova Legge

L’Europa si pone un obiettivo ambizioso: raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Per farlo è necessario concordare un obiettivo comune sulla riduzione delle emissioni, per il 2030, che deve raggiungere il 60% rispetto al 1990. L’Europarlamento, con il voto sulla Legge europea sul clima, ha scelto di fronteggiare con impeto l’emergenza climatica. Un passo avanti decisivo rispetto alla proposta della Commissione europea di aumento del 55% inclusi gli assorbimenti agroforestali.

La palla passa ora al Consiglio per raggiungere un accordo sulla prima Legge europea sul clima entro il prossimo dicembre. Per contenere il surriscaldamento del pianeta entro la soglia critica di 1.5°C, però, serve una risposta altrettanto coraggiosa dei governi nazionali, Italia compresa.

“Serve un ulteriore passo avanti per fronteggiare l’emergenza climatica e onorare gli impegni dell’Accordo di Parigi – dichiara il presidente di Legambiente Stefano Ciafani -. L’ultimo Emissions Gap Report dell’UNEP ha evidenziato che l’attuale azione climatica è pericolosamente insufficiente per raggiungere gli obiettivi di Parigi e ci porta verso un allarmante surriscaldamento del pianeta di oltre 3°C entro la fine del secolo rispetto ai livelli preindustriali. Scenario, secondo le recenti previsioni del Joint Research Center della Commissione, che può costare al benessere dei cittadini europei almeno 175 miliardi di euro l’anno. Per evitare che ciò si avveri, secondo il rapporto dell’UNEP, è cruciale che l’azione climatica dei governi sia così ambiziosa da consentire una riduzione media annua del 7.6% da qui al 2030, al fine di contenere l’aumento della temperatura media globale entro la soglia critica 1.5°C”.

Per l’Unione europea questo significa una riduzione del 65% delle emissioni climalteranti entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e quindi andare ben oltre il 55% proposto dalla Commissione. Obiettivo ambizioso, ma tecnicamente ed economicamente raggiungibile. Come dimostra il recente studio dell’Università di Berlino e dell’Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW), una riduzione delle emissioni del 65% è possibile e consentirebbe all’Europa di risparmiare più di 10.000 miliardi di euro per la conseguente riduzione dei danni ambientali e climatici, oltre ad una forte riduzione della dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili. Fronteggiare l’emergenza climatica fa bene anche all’economia europea.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento