giovedì 23 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Eroi dell’ambiente, ucciso leader indigeno in Brasile

Nella mattinata di sabato scorso, 18 aprile, è stato assassinato Ari Uru-eu-wau-wau, 33 anni, leader indigeno del “Grupo de vigilantes e protetores do território”. Il suo corpo è stato ritrovato nel municipio di Jaru, nello Stato di Rondônia, nord del Brasile, al confine con lo stato di Amazônia, dove i villaggi arrivano al limitare della foresta.

Il Gruppo di cui faceva parte è impegnato quotidianamente nell’identificazione e segnalazione dei disboscamenti illegali all’interno del territorio indigeno, per difenderlo dagli invasori, dai taglialegna e dai cercatori d’oro. Kanindé, Associazione di difesa etnoambientale dello stato, fa sapere che Ari era cugino della più nota leader indigena Awapu Uru-eu-wau-wau, che ha già subito diverse minacce di morte.

Secondo quanto riportato da Globo, la Policia federal era stata chiamata per un incidente stradale. Appena arrivati sul posto, però, gli agenti hanno trovato il motorino abbandonato di Ari e hanno subito dichiarato che si era trattato di un omicidio, ancora senza un colpevole. Ari sarebbe stato ucciso “con circa quattro colpi di un oggetto contundente che gli ha causato un trauma cranico”.

L’APIB (Articulação do povos indigenas do Brasil) ricorda che è il secondo omicidio di leader indigeni in 20 giorni. Solo qualche tempo fa infatti, abbiamo dato l’annuncio dell’assassinio di Zezico Guajajara, professore e leader che ha combattuto per proteggere il territorio dell’Amazzonia. Secondo l’Apib, “la violenza contro le popolazioni indigene sta aumentando, e questa crescita è direttamente correlata alla politica di genocidio del governo Bolsonaro”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto