venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Eolico, l’Italia resta il fanalino di coda in Europa

eolico-rinnovabili_14

Anev, l’Associazione nazionale energia del vento, ha commentato i dati sull’andamento del settore eolico in Europa e in Italia nel 2018. Lo scorso anno, secondo le statistiche di WindEurope, l’energia eolica ha fornito il 14% di energia sui consumi totali in Europa, raggiungendo una potenza installata di 11.3 GW, di cui 8.6 onshore e 2.65 GW offshore. Al momento il vecchio continente ha 189 GW di potenza eolica installata, di cui 171 GW onshore e 18 GW offshore.

Il settore è in crescita in termini di copertura dei consumi rispetto al 2017, anno in cui era giunta al 12% in Europa. I Paesi che hanno fatto da traino sono la Danimarca che ha fornito la quota più alta di energia elettrica da fonte eolica lo scorso anno, con il 41%, seguita dall’Irlanda (28%), dal Portogallo (24%) e dalla Germania (21%).

WindEurope ha mostrato inoltre che il 2018 è stato l’anno record per i finanziamenti verso nuova potenza eolica: 17 GW di nuovi progetti in Final Investement Decision (FID), il 45% in più rispetto al 2017, ma solo il 20% in più di investimenti economici, il che significa che i costi scendono e si può ottenere sempre maggiore rendimento da investimenti più contenuti.

Per quanto riguarda nello specifico l’Italia, secondo le stime dell’Anev nel 2018 sono stati installati poco più di 450 MW, una quota irrisoria rispetto al potenziale eolico italiano. Con il suo potenziale di oltre 17 GW al 2030 il nostro Paese stenta infatti a raggiungere i 10 GW installati. Gli operatori sono in attesa ormai da oltre un anno e mezzo delle aste per poter realizzare nuovi impianti e potenziare quelli esistenti e molte aziende chiudono con evidenti danni sull’occupazione. Il Piano Energia e Clima, cui l’Italia ha volontariamente aderito proponendo un target del 30% di energia (numero poco ambizioso) da Fer (fonti di energia rinnovabili) sui consumi finali lordi al 2030, impone al Governo di adottare misure efficaci.

Anev si aspetta un intervento efficace da parte della politica affinché l’Italia, Paese che avrebbe molto da offrire nel settore eolico e che esporta tecnologia eolica nel mondo, possa avere il ruolo che merita nelle classifiche europee, senza essere surclassata da Stati che si stanno invece dimostrando in grado di sfruttare al meglio potenziali anche più bassi dei nostri.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto