mercoledì 26 Gennaio 2022

Acquista

Login

Registrati

Biodiesel, segnalazione all’Antitrust per pubblicità ingannevole di Eni

Eni Biodiesel pompe di benzina

Una segnalazione all’Antitrust per una pubblicità ingannevole di Eni sul biodiesel. L’iniziativa è di Legambiente, del Movimento difesa del cittadino e della delegazione italiana di Transport & Environment. La campagna pubblicitaria denunciata dalle tre organizzazioni parla di un “-4% di consumi” e di “-40% di emissioni gassose” con Eni diesel+. Messaggio scorretto secondo le associazioni firmatarie in quanto non supportatato da prove o pubblicazioni tecniche e scientifiche sufficienti.

Nello specifico, l’affermazione “-40% di emissione gassose” non è né dimostrata né dimostrabile, così come per alcuni tipi di inquinanti sanitariamente rilevanti (ad esempio polveri sottili o ossidi d’azoto) e neanche per la maggioranza dei veicoli in circolazione (è irrilevante, ad esempio, per automobili euro5 ed euro6).

Le associazioni sottolineano poi che neanche l’aggiunta di olio di palma (nella misura del 15% circa, proprio nell’Eni diesel+) migliora le emissioni rispetto a quello solo fossile, prendendo in considerazione l’intero ciclo di vita del prodotto. La stessa Commissione Europea, con la recente bozza di testo proposta ai primi di febbraio, riconosce infatti che le coltivazioni di palma da olio causano una significativa deforestazione e per questo fissa l’eliminazione progressiva dell’olio di palma dai biocarburanti a partire dal 2021, anche se prevede al tempo stesso delle eccezioni. “Scappatoie” criticate da Legambiente e da diverse associazioni europee, impegnate nella campagna NotInmytank, e che invitano tutti a firmare entro l’8 marzo la consultazione pubblica on line per chiedere la modifica del testo.

Tornando alla segnalazione depositata all’Antitrust, le tre associazioni ricordano che “nella comunicazione pubblica, il termine “bio” e “rinnovabile” ha normalmente una percezione positiva, di qualità ambientale, tanto che il prezzo consigliato da ENI (si dichiara sul sito ufficiale) è superiore al gasolio normale, del 10% in più. Quanti consumatori lo userebbero se conoscessero la verità?”.

Legambiente ha voluto chiedere pubblicamente (con un articolo su La Nuova Ecologia on line) all’ufficio stampa e comunicazione esterne di Eni spiegazioni e documentazione tecnica relative alle prove effettuate che possano dimostrare l’eccezionale abbattimento dell’inquinamento promesso dalla pubblicità. Dalle risposte pervenute emerge che le prove citate hanno riguardato ben pochi modelli di veicoli (sicuramente 3) e solo per un modello di vecchio autobus, solamente per una componente inquinante – polinucleari aromatici adsorbiti – si è riscontrata una riduzione di emissioni paragonabile al 40% dichiarato. Tra l’altro senza definire le condizioni di prova (ad esempio la percentuale e composizione del biocarburante).

Adesso, dopo la deposizione della segnalazione all’Antitrust, la speranza è che qualcosa possa cambiare, quantomeno per ciò che concerne la comunicazione pubblicitaria di Eni. “L’Autorità Garante della Concorrenza può accertare e bloccare le pratiche commerciali scorrette e le pubblicità ingannevoli e comparative illecite – spiega Francesco Luongo, presidente Movimento Difesa del Cittadino -. Ed è quello che ci auguriamo che faccia: mentre decine di città italiane, durante l’inverno, hanno dovuto bloccare i veicoli più inquinanti (sino all’euro4 diesel), i cittadini, automobilisti o no, si sono sentiti raccontare alla televisione che sarebbe bastato cambiare carburante per inquinare molto meno (“fino al 40%”). Non sappiamo in quanti si siano illusi, ma certamente una simile martellante pubblicità non ha aiutato le istituzioni che si adoperano per ridurre realmente l’inquinamento, riducendo anche l’uso di motori inquinanti come i diesel”.

“Speriamo in uno stop definitivo all’uso di biocarburanti che di sostenibile hanno ben poco – afferma Stefano Ciafani, presidente Legambiente Onlus – e che i governi e le industrie si orientino al più presto verso una mobilità sempre più efficiente, sostenibile, elettrica, pubblica e condivisa. Speriamo che i biocarburanti veri come gli olii vegetali usati, l’etanolo da scarti lignocellulosici e il biometano da rifiuti, sostituiscano i carburanti fossili nelle poche categorie di mezzi a motore in cui l’elettrico non sarà competitivo come nei trasporti a lunga distanza. Proprio per questa ragione abbiamo chiesto all’Europa di dire basta all’olio di palma per la produzione dei carburanti e contemporaneamente chiediamo all’ENI di smettere di usarlo prima di esserne obbligata”.

“Il green diesel di Eni di verde ha solo il nome, che utilizza impropriamente – ribadisce Veronica Aneris, responsabile per l’Italia di T&E, la Federazione Europea per il Trasporto e l’Ambiente -. Al contrario, provenendo principalmente da olio di palma e derivati (PFAD), l’ENI Diesel + comporta un aumento, non una diminuzione delle emissioni climalteranti, è causa di deforestazione e di perdita gravissima di biodiversità. Tanto meno contribuisce alla diminuzione delle emissioni inquinanti nei centri urbani. Queste pratiche di greenwashing sono inaccettabili e devono volgere al termine: i consumatori devono essere correttamente informati e messi nella condizione di poter fare la loro parte attraverso scelte responsabili. Soprattutto se gli viene chiesto di spendere il 10% in più nel nome dell’ambiente”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,811FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Ridimensiona font
Contrasto