‘Energia in squadra’, conclusi i percorsi di formazione sul risparmio energetico

Concluso il percorso ludico-didattico organizzato da Estra e Legambiente nell’ambito del progetto Energicamente. Premiati gli alunni di otto scuole

Immagine del concorso Energia In Squadra

Battute finali per il concorso nazionale ‘Energia in Squadra’, il percorso ludico-didattico su risparmio energetico, sviluppo sostenibile e smart living. L’iniziativa rientra nell’ambito di Energicamente, il progetto lanciato dalla multiutility italiana Estra e da Legambiente.

Ad aggiudicarsi il concorso sono state otto scuole italiane: la scuola secondaria di 1 grado Umberto I° di Lanciano (Chieti), Abruzzo; la scuola primaria Corrado Alvaro di Cosenza, Calabria; la scuola secondaria di 1° grado De Filippo-Vico di Arzano (Napoli), Campania; la scuola secondaria di 1° grado Andrea Menchetti di Ostra (Ancona), Marche; la scuola primaria annessa al Convitto Nazionale Mario (Campobasso), Molise; la scuola secondaria di 1° grado Antonio Gramsci di Palermo, Sicilia; la scuola secondaria di 1° grado Pier Cironi (Prato), Toscana; la scuola secondaria di 1° grado Alcide de Gasperi di Norcia (Perugia), Umbria. Ai bambini e ai ragazzi che hanno preso parte all’iniziativa è stato chiesto di mettere in pratica le conoscenze apprese attraverso la realizzazione di un vero e proprio progetto dedicato all’energia, avendo l’opportunità di scegliere tra le tre sezioni che li avevano interessati maggiormente: comunicare, sperimentare, innovare.

Gli 8 vincitori si sono aggiudicati come premio gli ‘EstraDay’, una giornata di festa e giochi sull’energia in cui i bambini e i ragazzi saranno protagonisti di azioni concrete di cittadinanza attiva e si sfideranno a squadre su tematiche legate all’energia, compreso il cimentarsi con la piantumazione di piante autoctone e officinali. Sempre nel corso degli ‘EstraDay’ si svolgeranno anche attività di formazione aperte alla cittadinanza, a cura di Legambiente e in cui anche Estra sarà parte attiva, sui temi della sostenibilità e dell’ambiente. L’attività verrà destinata a tutti gli stake-holders del territorio: parti sociali, insegnanti, genitori.

“Riteniamo importante – ha dichiarato il Presidente di Estra, Francesco Macrì – che la scuola sia il luogo naturale entro il quale si debbano promuovere stili di vita consapevoli, ma allo stesso tempo abbiamo pensato quest’anno di favorire occasioni di dialogo con il mondo esterno sui temi del progetto, arricchendoli di nuovi contenuti proprio al fine di estendere l’offerta formativa al di fuori delle mura scolastiche. Dialogare con una platea più ampia, abbattere i confini tradizionali in virtù di una educazione ambientale diffusa, non potrà che aggiungere valore ed accrescere il riverbero di contenuti di così inestimabile portata. Abbiamo poi verificato come lo sforzo di introdurre sempre qualche elemento di novità restituisca nuova freschezza amplificando effetti e significati”.

“Anche quest’anno abbiamo lavorato al fianco di Estra al progetto Energicamente – spiega Stefano Ciafani, Presidente Nazionale di Legambiente – per promuovere la diffusione di temi ambientali, come la lotta ai cambiamenti climatici, anche e soprattutto attraverso il mondo della scuola. E mai come quest’anno, in un 2019 segnato dal protagonismo della giovane attivista svedese 16enne Greta Thunberg che è riuscita a coinvolgere e mobilitare i giovani di tutto il mondo per ricordare a gran voce ai grandi della Terra che non c’è più tempo da perdere per salvare il pianeta, è importante coinvolgere sempre di più le scuole e i docenti per alimentare la riflessione tra i banchi di scuola e coinvolgere i giovani attraverso lezioni, laboratori di educazione ambientale, attività di citizen science. Azioni importanti utili a ricordare che le soluzioni tecnologiche per fermare i cambiamenti climatici sono già disponibili e che adottare stili di vita più sostenibili e impegnarsi attivamente in prima persona può fare la differenza, perché ognuno di noi nel suo piccolo può aiutare concretamente l’ambiente e il Pianeta”.