martedì 19 Gennaio 2021

Energia elettrica, in Gran Bretagna il 40% generata dai parchi eolici

Il 18 dicembre le turbine hanno generato 17,3 Gw sfruttando i forti venti e registrando il record del 2020. In calo, invece, i volumi prodotti dagli impianti a carbone e gas

Spetta alla Gran Bretagna il record di volumi di energia pulita generata dai parchi eolici. Lo scorso 18 dicembre, infatti, il 40% di elettricità messa in circolo nel Paese è stata prodotta dalle turbine eoliche che hanno aumentato i loro giri sfruttando a proprio favore il clima burrascoso degli ultimi giorni. Nel pomeriggio del 18 dicembre le turbine hanno così generato 17,3 Gw secondo i dati del servizio elettrico nazionale, battendo di poco il precedente record che era stato stabilito all’inizio di gennaio 2020. La forza dei venti in tutto il Paese ha favorito la produzione di energia eolica. Al contrario, l’energia elettrica prodotta dagli impianti a carbone e gas non ha coperto neanche un quinto dell’elettricità totale.

Questo record rappresenta uno dei picchi dell’anno più verde nella storia della Gran Bretagna. Un trend, quello registrato in questo 2020, dovuto principalmente all’impennata delle energie rinnovabili e, al contempo, a un forte calo della domanda di energia dovuto alla diminuzione di spostamenti e livelli produttivi e alla chiusura di uffici, ristoranti e scuole per via dei lockdown imposti dalla pandemia da Covid-19.

Ad aprile l’energia solare ha raggiunto il record di 9,6 Gw prodotte contribuendo ad allungare a 1.629 ore consecutive il periodo carbon free, in cui non è stata generata elettricità utilizzando impianti a carbone. Ad agosto la produzione di energia eolica ha raggiunto la quota record di quasi il 60% di copertura del consumo di elettricità, anche e soprattutto per via del fatto che la domanda di energia è diminuita di oltre un quinto rispetto al 2019.

Questa abbondanza di elettricità pulita si somma alla generale diminuzione delle emissioni di sostanze inquinanti derivate dai cicli produttivi da fonti fossili. Basti pensare che nel marzo scorso, nel pieno della prima ondata di contagi, in Gran Bretagna la concentrazione di anidride carbonica per chilowattora è scesa al minimo di 143 grammi. È stato questo il punto di “rottura” che ha segnato l’andamento dell’anno più verde nella storia di questo Paese.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Incendi in Australia, minacciati gli habitat di 191 specie animali

Tra queste, 49 ne hanno perso più dell'80%. Tra giugno 2019 e febbraio 2020 in totale più di 15mila roghi. Wwf lancia l'iniziativa “Regenerate Australia” per il recupero della fauna selvatica

Mobilità urbana, nel 2020 +84,5% di veicoli a due ruote elettrici venduti

Superati per la prima volta i 10mila veicoli immatricolati. Sale la disponibilità media di piste ciclabili, per i motocicli in calo l'accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici. I dati del quinto rapporto dell’Osservatorio Focus2R promosso da Confindustria Ancma e Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia