venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Energia elettrica, in Gran Bretagna il 40% generata dai parchi eolici

Il 18 dicembre le turbine hanno generato 17,3 Gw sfruttando i forti venti e registrando il record del 2020. In calo, invece, i volumi prodotti dagli impianti a carbone e gas

Spetta alla Gran Bretagna il record di volumi di energia pulita generata dai parchi eolici. Lo scorso 18 dicembre, infatti, il 40% di elettricità messa in circolo nel Paese è stata prodotta dalle turbine eoliche che hanno aumentato i loro giri sfruttando a proprio favore il clima burrascoso degli ultimi giorni. Nel pomeriggio del 18 dicembre le turbine hanno così generato 17,3 Gw secondo i dati del servizio elettrico nazionale, battendo di poco il precedente record che era stato stabilito all’inizio di gennaio 2020. La forza dei venti in tutto il Paese ha favorito la produzione di energia eolica. Al contrario, l’energia elettrica prodotta dagli impianti a carbone e gas non ha coperto neanche un quinto dell’elettricità totale.

Questo record rappresenta uno dei picchi dell’anno più verde nella storia della Gran Bretagna. Un trend, quello registrato in questo 2020, dovuto principalmente all’impennata delle energie rinnovabili e, al contempo, a un forte calo della domanda di energia dovuto alla diminuzione di spostamenti e livelli produttivi e alla chiusura di uffici, ristoranti e scuole per via dei lockdown imposti dalla pandemia da Covid-19.

Ad aprile l’energia solare ha raggiunto il record di 9,6 Gw prodotte contribuendo ad allungare a 1.629 ore consecutive il periodo carbon free, in cui non è stata generata elettricità utilizzando impianti a carbone. Ad agosto la produzione di energia eolica ha raggiunto la quota record di quasi il 60% di copertura del consumo di elettricità, anche e soprattutto per via del fatto che la domanda di energia è diminuita di oltre un quinto rispetto al 2019.

Questa abbondanza di elettricità pulita si somma alla generale diminuzione delle emissioni di sostanze inquinanti derivate dai cicli produttivi da fonti fossili. Basti pensare che nel marzo scorso, nel pieno della prima ondata di contagi, in Gran Bretagna la concentrazione di anidride carbonica per chilowattora è scesa al minimo di 143 grammi. È stato questo il punto di “rottura” che ha segnato l’andamento dell’anno più verde nella storia di questo Paese.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto