lunedì 30 Novembre 2020

Enel accelera per uscire dal carbone

un'immagine della centrale a carbon dell'Enel a Cerano

Enel spinge sull’acceleratore per abbandonare il carbone: il primo passo annunciato è la chiusura dell’impianto di Bocamina in Cile, spegnendo l’Unità I entro dicembre 2020 e l’Unità II entro il 31 maggio 2022 pianificando contemporaneamente il completamento di 2 GW di capacità rinnovabile nel Paese attraverso Enel Green Power Chile; il secondo passo comunicato nei giorni scorsi dall’azienda energetica è il via libera alla chiusura anticipata del Gruppo 2 della centrale termoelettrica Federico II di Brindisi a partire dal primo gennaio 2021.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato riscontro positivo alla richiesta presentata da Enel lo scorso gennaio. Sarà la prima delle quattro unità produttive a carbone della centrale che si avvia alla chiusura definitiva. Decisione che rispetta la strategia di decarbonizzazione della produzione di energia elettrica e in linea con gli obiettivi del Piano nazionale integrato energia e clima (Pniec): Enel – si legge nel comunicato diffuso dall’azienda – ha avviato negli scorsi mesi l’iter di permitting per la riconversione con un impianto a gas e sta sviluppando progetti per l’installazione di capacità fotovoltaica all’interno del sito.

A livello globale, nel 2019, la capacità installata di Enel da fonti rinnovabili ha superato per la prima volta quella da fonti termoelettriche e nel primo trimestre del 2020 la produzione di energia elettrica a zero emissioni ha raggiunto il 64% della generazione totale del Gruppo. L’obiettivo a lungo termine del Gruppo Enel è la completa decarbonizzazione del mix entro il 2050, con una serie di traguardi intermedi come il completamento del phase out dal carbone in Italia entro il 2025 e a livello globale entro il 2030.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

REGISTRATI SUL SITO

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,162FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

ECOFORUM VENETO 2020

Quinta Edizione di EcoForum Veneto in diretta streaming dalle 9.30 alle 12.30 IL PROGRAMMA

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia