venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

End the cage age, un milione di firme contro le gabbie negli allevamenti

Stop gabbie Negli Allevamenti

Che i vitelli in allevamento non godessero di estrema libertà era noto, ma le immagini girate dal Ciwf nel circuito delle eccellenze italiane mostrano una realtà ancora più opprimente per questi animali. Le immagini, riprese nel 2017, mostrano come i box singoli in cui i vitelli sono costretti a trascorrere le prime 8 settimane di vita non consentano libertà di movimento agli animali, inoltre impedendo loro la socializzazione, fattore fondamentale per il soddisfacimento delle loro necessità etologiche, non solo nelle prime settimane di vita, ma anche successivamente. I vitelli sono infatti naturalmente portati a vivere in gruppo.

Le patologie che più spesso colpiscono i vitelli sono diarrea e malattie respiratorie. Patologie che con la corretta gestione degli animali, sono meno frequenti quando i vitelli vengono allevati in gruppo, piuttosto che in box singoli. Inoltre, quando i vitelli sono allevati in gruppo, hanno più spazio per le loro attività, sviluppano la capacità di stare con i propri simili esprimendo i loro naturali comportamenti sociali; quando i vitelli sono allevati al pascolo le loro condizioni migliorano ulteriormente.
In Italia ogni anno nascono quasi 1,8 milioni di vitelli a (Ismea). Circa 340.000 sono invece importati ogni anno (Istat).

L’Iniziativa dei cittadini europei “End the Cage Age” chiede la fine dell’uso di tutte le gabbie negli allevamenti degli animali allevati a scopo alimentare: più di 300 milioni di animali fra conigli, galline, oche, scrofe e quaglie. L’iniziativa è sostenuta da 140 associazioni europee in 24 paesi, 19 associazioni sono italiane.

L’obiettivo è raccogliere un milione di firme entro l’11 settembre 2019 per far sì che la Commissione si esprima riguardo alla richiesta della petizione.

La petizione è già stata firmata dal Ministro della Salute Giulia Grillo in occasione del lancio nazionale lo scorso 16 ottobre presso la Camera dei Deputati. Le firme raccolte in UE sono già quasi 180.000. In Italia, per firmare, è necessario inserire alcuni dati personali e quelli di un valido documento d’identità. Questi dati saranno gestiti nel rispetto della privacy in una banca dati protetta ospitata dal Data Centre della Commissione europea.

Le associazioni che compongono la coalizione italiana sono: Amici della terra Italia, Animal Aid, Animal Equality, Animal Law, Animalisti Italiani, CIWF Italia Onlus, Confconsumatori, ENPA, Il Fatto Alimentare, LAC – Lega per l’abolizione della caccia, LAV, Legambiente, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, LEIDAA, Jane Goodall Institute Italia,OIPA, Partito Animalista, Terra Nuova, Terra! Onlus.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto