venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Allevamento, l’83% degli italiani è a favore di una transizione verso sistemi senza gabbie

Lo rivela un sondaggio diffuso dalla coalizione italiana End the Cage Age. I cittadini richiedono che siano riallocati i fondi per l’agricoltura da parte dell’Ue

La coalizione italiana End the Cage Age ha diffuso oggi i risultati di un nuovo sondaggio
(condotto fra il settembre e l’ottobre 2020) che esplora le attitudini dei cittadini europei
riguardo all’uso delle gabbie negli allevamenti nell’Unione Europea. Il Sondaggio, condotto
da YouGov, è stato commissionato da Compassion in World Farming, Animal Equality, Vier
Pfoten International, Humane Society International – Europe, WeMove Europe and World
Animal Protection Netherlands.

Il sondaggio fornisce informazioni sulle opinioni dei cittadini in Italia sul modo in cui l’UE
assicura il benessere degli animali negli allevamenti e alloca i fondi per l’agricoltura. Più
nello specifico, secondo i risultati:
– L’84% dei cittadini in Italia concorda o concorda decisamente sul fatto che l’uso delle
gabbie negli allevamenti sia crudele nei confronti degli animali;
– Il 56% è in disaccordo o in forte disaccordo con l’affermazione che l’UE stia facendo
abbastanza per assicurare il benessere degli animali negli allevamenti;
– L’83% concorda o concorda decisamente che l’UE dovrebbe riallocare gli attuali
fondi per l’agricoltura per supportare una transizione verso l’abbandono dei sistemi in gabbia per gli animali negli allevamenti e solo l’8% non concordava o non concordava decisamente.
Le associazioni della Coalizione italiana End the Cage Age hanno dichiarato: “Questo nuovo
sondaggio fornisce nuove evidenze su qualcosa che sappiamo da anni: i cittadini italiani ci
tengono alle condizioni in cui gli animali sono allevati; riconoscono inoltre chiaramente che
l’UE sta fallendo nel tutelarli e che la transizione verso sistemi senza gabbie è la via da
seguire”.

L’Iniziativa dei Cittadini Europei End the Cage Age è stata lanciata l’11 settembre 2018 e si
è chiusa esattamente un anno dopo dopo aver raccolto 1.397.113 firme validate in tutta l’UE.
L’iniziativa ha anche superato il numero minimo di firme in 18 Stati membri, bel oltre I 7
richiesti. Per questo End the Cage Age è:
– La sesta ICE di successo su 75 registrate negli ultimi 8 anni
– La terza per numero di firme raccolte
– La prima di successo sul benessere degli animali
“I risultati di questo nuovo sondaggio aggiungono un altro forte argomento a sostegno di un cambio immediato che i cittadini europei vogliono per gli animali negli allevamenti, aspetto che ha un impatto sulle condizioni di vita degli animali ma anche sulla sicurezza sanitaria. Il dibattito non è più se l’UE debba abbandonare l’uso delle gabbie, ma quando e come questo sarà fatto. Ci aspettiamo che le istituzioni europee facciano la cosa giusta, per i loro cittadini e per gli oltre 300 milioni di animali che sono allevati nell’UE”, hanno dichiarato le associazioni della coalizione italiana End the Cage Age.
La Coalizione Italiana End the Cage Age è formata da Animal Law Italia, Animal aid, Animal
Equality, CIWF Italia Onlus, LAC-Lega per l’Abolizione della Caccia, Lega Nazionale Difesa
del Cane, Legambiente, Amici della Terra, HSI Italia, Il Fatto Alimentare, Terra Nuova,
Confconsumatori, Jane Goodall Institute Italia, Terra! Onlus, Animalisti Italiani, ENPA, LAV,
Partito animalista, LEIDAA, OIPA, LUMEN.

Note

1. Tutti i dati, a meno che non sia indicato diversamente, sono di YouGov Plc. Il
campione era di 1037 adulti. L’indagine è stata Condotta fra il 22 e il 23 settembre 2020,
online. I dati sono stati pesati e sono rappresentativi di tutti gli italiani adulti (+18 anni).
*Chi ha risposto alle domande doveva leggere questa informazione prima di
rispondere alla domanda:

“Nell’Unione Europea (UE) più di 300 milioni di animali negli allevamenti (galline,
maiali, conigli, oche, papere, vitelli eccetera) sono allevati in gabbia a scopo
alimentare. Alcuni sostengono che il confinamento e la restrizione dei movimenti
naturali causati dalle gabbie non siano giustificabili. Altri pensano che le gabbie siano
necessarie per l’economia degli allevamenti consentendo gli animali siano allevati su
grande scala.

Su richiesta, sono disponibili i dati relative ai sondaggi condotti negli altri Stati
membri. Per maggiori informazioni su End the Cage Age:

https://www.endthecageage.eu/ 

https://www.endthecageage.eu/how-close-are-we-to-a-cage-free-europe/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto