martedì 19 Gennaio 2021

Lo stallo dell’ultimo decennio ha ridotto di due terzi il tempo per fermare l’emergenza climatica

Emissioni di gas serra

Lo stallo politico dell’ultimo decennio sui cambiamenti climatici ha ridotto di due terzi i tempi di azione per provare a frenare quest’emergenza. Se infatti nel 2010 il mondo pensava di avere trent’anni di tempo per dimezzare le emissioni globali di gas serra, oggi quel tempo si è ridotto a soli dieci anni. A dirlo è la rivista Nature che ha analizzato in prospettiva i dati emersi dall’Emissions Gap Report diffuso dall’Unep (United Nations Environment Programme).

Ma non solo. Anche qualora le azioni promesse da tutti i Paesi per abbattere le emissioni dovessero effettivamente concretizzarsi, l’obiettivo del dimezzamento al 2030 non verrebbe comunque raggiunto. E ciò accadrà semplicemente per tre motivi. Il primo motivo. Gli obiettivi che la comunità internazionale si è posto con l’Accordo di Parigi sul clima del 2015 (limitare l’aumento della temperatura a 1,5° rispetto ai livelli preindustriali) sono inadeguati rispetto alla catastrofe climatica che abbiamo di fronte. Il secondo motivo. Le emissioni globali annue di gas serra sono aumentate del 14% tra il 2008 e il 2018. Ciò significa che la loro diminuzione dovrà avvenire molto più rapidamente rispetto a quanto era stato precedentemente stimato, il che è però altamente improbabile – se non del tutto impossibile – alla luce delle azioni politiche messe in campo finora, considerando anche il fatto che dal 2015 il calo stimato delle emissioni entro il 2030 è solo del 3%. Il terzo motivo. Alcune delle potenze planetarie in cui si concentrano i flussi di produzione più inquinanti, Stati Uniti in primis, si siano tirati fuori da questa partita, di certo non fa ben sperare per il futuro.

Non manca comunque anche qualche segnale positivo. Il primo di questi è che negli ultimi anni un numero sempre maggiore di Paesi, regioni, città e società private si sta impegnando per fare di più per diminuire il proprio impatto ambientale. Tra i casi più virtuosi ci sono il Costa Rica, Shenzhen in Cina e Copenaghen, che hanno puntato con forza sulle fonti energetiche rinnovabili e sulla mobilità elettrica. Regno Unito e California hanno invece fissato degli obiettivi ambiziosi per la graduale decarbonizzazione dei propri sistemi industriali. E 26 banche hanno deciso di ritirare i loro finanziamenti per la realizzazione di nuove centrali elettriche a carbone. Il problema però è che nell’insieme queste “buone pratiche” rappresentano solo circa il 21% delle emissioni globali di gas serra.

Se c’è un fattore che lascia ben sperare a cui potersi appigliare al momento rimanda ai costi legati all’utilizzo di energie rinnovabili, che si stanno abbassando più rapidamente del previsto. Al punto che allo stato attuale le rinnovabili rappresentano la fonte energetica di ultima generazione più economica al mondo. Il che rappresenta senza ombra di dubbio un incentivo per innescare un’elettrificazione dei processi produttivi con basse emissioni di carbonio su larga scala.

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Incendi in Australia, minacciati gli habitat di 191 specie animali

Tra queste, 49 ne hanno perso più dell'80%. Tra giugno 2019 e febbraio 2020 in totale più di 15mila roghi. Wwf lancia l'iniziativa “Regenerate Australia” per il recupero della fauna selvatica

Mobilità urbana, nel 2020 +84,5% di veicoli a due ruote elettrici venduti

Superati per la prima volta i 10mila veicoli immatricolati. Sale la disponibilità media di piste ciclabili, per i motocicli in calo l'accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici. I dati del quinto rapporto dell’Osservatorio Focus2R promosso da Confindustria Ancma e Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia