sabato 28 Novembre 2020

Emergenza fiume Alcantara, “urge un monitoraggio della fauna acquatica”

Tra i tanti fiumi che in Sicilia versano da tempo in condizioni di degrado e abbandono totale, c’è anche il fiume Alcantara, che scorre al confine tra le province di Catania e Messina. Riceviamo e pubblichiamo l’intervento in merito alla questione di Annamaria Nossing, presidente del Circolo Legambiente Taormina Valle Alcantara.

Il fiume Alcantara che segna il confine fra la provincia di Messina e quella di Catania, sede del Parco fluviale Alcantara, all’altezza dei Comuni di Mojo Alcantara, Castiglione di Sicilia e Francavilla di Sicilia, particolarmente all’altezza del ponte di San Nicola, fatte salve insignificanti risorgenze, è praticamente ridotto ad alcune maleodoranti pozze di acque stagnanti.

L’intero ecosistema fluviale, nel tratto in questione, risulta se non distrutto fortemente compromesso: la moria di pesci è impressionante. Il perdurare dello stato di siccità rappresenta un serio problema, ma da solo non giustifica la totale assenza di acqua. Un cospicuo quantitativo di acqua proveniente dal bacino imbrifero viene captata, convogliata in una condotta e gestita dalla Società Sicilacque per non meglio specificati utilizzi. Fatte salve le esigenze idriche prioritarie per usi idropotabili il resto deve immediatamente essere reimmesso nell’alveo del Fiume Alcantara per ripristinare lo stato di naturalità proprio di un fiume.

È necessario e urgente che le concessioni stipulate negli anni passati, a seguito dei prevedibili cambiamenti climatici in atto, vengano al più presto riviste. Urge un serio monitoraggio della fauna acquatica del fiume ed un piano di interventi che mantenga l’ecosistema fluviale, anche prevedendo campagne di ripopolamento ittico, da parte dell’ente Parco e di tutti gli enti regionali competenti.

Annamaria Nossing
presidente del Circolo Legambiente Taormina Valle Alcantara

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,147FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”