martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Emergenza climatica, il Senato boccia la mozione

Immagine del Senato

Nella serata di ieri, mercoledì 5 giugno, il Senato bocciato la richiesta di dichiarare “l’emergenza climatica” per l’Italia, contenuta in tre mozioni presentate da Forza Italia, Partito Democratico e Liberi e Uguali. Mozioni che erano già state respinte dal governo e il cui comune denominatore era l’allarme sugli effetti irreversibili dei mutamenti climatici, seppur con i dovuti distinguo: i democratici chiedevano all’esecutivo di dichiarare lo stato di emergenza ambientale; Forza Italia chiedeva interventi urgenti per non incorrere in procedure di infrazione da parte della Ue, garantendo nel contempo un’autonomia finanziaria degli enti locali per investimenti nel settore; Leu chiedeva di rivedere le imposte sull’energia e sull’uso delle risorse ambientali nella direzione della sostenibilità.

È passata, invece, con 145 sì, 76 no e 40 astenuti la mozione della maggioranza, a firma Movimento Cinque Stelle, che però non parla di emergenza climatica. Questa mozione impegna l’esecutivo “a ricorrere all’eco-design; a favorire l’autoproduzione distribuita di energia da fonti rinnovabili; a promuovere campagne di sensibilizzazione/informazione rivolte ai cittadini in sinergia con gli enti locali, anche mediante l’introduzione dell’educazione ambientale nelle scuole”. Una mozione che prevede “politiche serie e concrete finalizzate alla decarbonizzazione dell’economia”, come specificato da Vilma Moronese (M5s), presidente della commissione Ambiente del Senato.

Il Senato accantona dunque così il dibattito sulla necessità di intraprendere al più presto misure incisive per contrastare il riscaldamento globale. Un’emergenza su cui gli scienziati hanno dato una dozzina d’anni di tempo per intervenire riducendo gas serra e dicendo addio al carbone per consumi energetici. Un’emergenza per la cui risoluzione da mesi manifestano nelle piazze di tutto il mondo i giovani del movimento Fridays For Future, ispirato alla studentessa attivista svedese Greta Thunberg. Uno smacco che lascia ancor più l’amaro in bocca, proprio perché consumatori durante la Giornata mondiale dell’Ambiente – dedicata quest’anno all’inquinamento dell’aria.

Associazioni, comitati ambientalisti e singoli cittadini non hanno però intenzione di fermarsi e si preparano a fare causa contro lo Stato italiano ritenendolo “colpevole di inazione” di fronte agli effetti irreversibili dei cambiamenti climatici. Sul web è stata lanciata la campagna sul web ‘Giudizio Universale – Invertiamo il processo’ in vista del deposito in autunno degli atti.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto