domenica 17 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Il ritiro dei ghiacciai mette a rischio le piante alpine

Uno studio dell’Università di Milano analizza il rischio di estinzione delle piante alpine in seguito al ritiro dei ghiacciai: fino al 22% delle specie potrebbe scomparire

Uno dei simboli più iconici delle Alpi è costituito dalla sue flora, che rischia di ridursi, come evidenziato da uno studio su pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution. Il lavoro di ricerca, coordinato da Marco Caccianiga del dipartimento di Bioscienze dell’Università di Milano, in collaborazione con Gianalberto Losapio della Stanford University (USA), ha indagato le conseguenze del cambiamento climatico in atto e in particolare del ritiro dei ghiacciai sulla diversità delle piante alpine. Sebbene tale diversità possa inizialmente aumentare con il ritiro dei ghiacciai, i risultati dello studio indicano che il numero di specie alla fine diminuirà: fino al 22% delle specie studiate potrebbe scomparire localmente o addirittura estinguersi una volta che i ghiacciai saranno scomparsi.

Lo studio dimostra che non tutte le specie sono uguali e alcune di esse beneficiano del riscaldamento globale – i cosiddetti ‘vincitori’ – mentre altre – i ‘perdenti’ – ne soffrono. Quando i ghiacciai si ritirano, espongono nuovi spazi disponibile per la crescita delle piante, ma questo cambia anche le caratteristiche e la diversità degli ecosistemi a valle. Gli autori hanno combinato i dati storici sul ritiro di quattro ghiacciai italiani con l’analisi delle condizioni ambientali locali e la distribuzione e le caratteristiche ecologiche di 117 specie di piante. Le analisi hanno indicato cambiamenti nelle interazioni all’interno delle comunità vegetali: le specie competitive diventano prevalenti a lungo termine mentre quelle cooperative, le prime a colonizzare il terreno, vedranno le loro popolazioni ridursi entro soli 100 anni. Il tasso senza precedenti dell’attuale ritiro dei ghiacciai rende improbabile l’evoluzione di adattamenti per fronteggiare queste nuove condizioni.

Questo studio può aiutare ricercatori in campo ambientale, gestori del territorio e professionisti a sviluppare proposte per mitigare e anticipare le conseguenze dell’impatto umano sugli ecosistemi.

Leggi anche: 

L’orchidea è sempre più su

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Cinque anni di Premio nazionale “Verso un’economia circolare”

Iscrizioni aperte dal 24 settembre al 26 novembre 2021 per la quinta edizione che vede tra i promotori Fondazione Cogeme e Kyoto Club. BANDO INTEGRALE - SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Rinnovabili, Cingolani: “In Italia 3 gigawatt di impianti bloccati dalle Soprintendenze”

Il ministro nel suo intervento in Commissione Ambiente: "Rispetto assoluto per il paesaggio, ma anche per la lotta al cambiamento climatico. Dobbiamo raggiungere l'obiettivo del 72% di fonti pulite al 2030"

Roma, i bus turistici tornano nella zona a traffico limitato

Lo ha deciso il Tar del Lazio con la sospensione del divieto di circolazione. Le associazioni: "Sono mezzi vecchi e inquinanti. Rifiutiamo fermamente proposte di riapertura, con aumento di emissioni che sono già costate alla collettività procedure di infrazione da parte della Comunità Europea"

ECOSISTEMA SCUOLA

Presentazione del XXI Rapporto di Legambiente sulla qualità dell'edilizia scolastica e dei servizi
Ridimensiona font
Contrasto