martedì 19 Gennaio 2021

Un nuovo viaggio

Editoriale al numero di Nuova Ecologia di gennaio 2021

Con l’inizio di questo nuovo anno, mentre i governi europei sono alle prese con la stesura dei piani di ripresa e resilienza da presentare alla Commissione, noi cittadini abbiamo in mente le mille cose che vorremmo riprendere a fare una volta che la pandemia sarà stata domata. Viaggiare, per esempio. E ci piace pensare che lo faremo in treno. Perché ha fascino, è sicuro e soprattutto è il mezzo simbolo della sostenibilità.

I trasporti di merci e persone, scrive Elena Comelli nella storia di copertina, sono responsabili di oltre un quinto delle emissioni globali di gas serra. Di queste il 75% è generato dai veicoli su gomma e soltanto l’1% dalle ferrovie, che consumano appena il 2% dell’energia richiesta dai trasporti. Se si moltiplicheranno i progetti e la realizzazione di locomotive a idrogeno – magari quello “verde”, prodotto con le rinnovabili – il futuro viaggerà davvero sui binari. Non solo nei convogli che collegano le grandi capitali europee, sempre più pieni per effetto del flight shame (vergogna di volare) e della paura di prendere l’aereo in tempi di emergenza sanitaria.

foto di Francesco LoiaconoIl futuro dovrà viaggiare su quelle linee ferrate che portano milioni di persone ogni giorno sul posto di lavoro o di studio.

Il treno dei desideri, insomma, non dovrà lasciare a terra nessuno. Per farlo bisognerà investire molto, soprattutto in un Paese come il nostro, che sconta un grave ritardo nello sviluppo dei mezzi pubblici all’interno delle aree metropolitane, quelle in cui ancora si muore troppo per effetto dello smog. Il Piano di ripresa e resilienza italiano può essere l’occasione per colmare questo ritardo, a patto di definire meglio le timide linee indicate nelle prime bozze circolate a dicembre.

Nella valigia che stiamo preparando per il futuro, suggeriamo di infilare anche qualche grande insegnamento del passato. Per questo abbiamo scelto di ricordare due maestri dell’ambientalismo scientifico che “abitavano il futuro”: Marcello Cini, professore emerito di Fisica alla “Sapienza” di Roma, e Marcello Buiatti, ordinario di Genetica all’Università di Firenze. Come ricorda la professoressa Elena Gagliasso, i due “Marcelli” ci hanno insegnato che la scienza non è mai neutrale. Ma neanche un’opinione.

Francesco Loiacono
Direttore La Nuova Ecologia. Giornalista ambientale autore di inchieste su dissesto idrogeologico, inquinamento industriale, bonifiche e amianto. Email: direttore@lanuovaecologia.it Twitter: @francloia

Articoli correlati

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Incendi in Australia, minacciati gli habitat di 191 specie animali

Tra queste, 49 ne hanno perso più dell'80%. Tra giugno 2019 e febbraio 2020 in totale più di 15mila roghi. Wwf lancia l'iniziativa “Regenerate Australia” per il recupero della fauna selvatica

Mobilità urbana, nel 2020 +84,5% di veicoli a due ruote elettrici venduti

Superati per la prima volta i 10mila veicoli immatricolati. Sale la disponibilità media di piste ciclabili, per i motocicli in calo l'accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici. I dati del quinto rapporto dell’Osservatorio Focus2R promosso da Confindustria Ancma e Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia