venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Un nuovo viaggio

Editoriale al numero di Nuova Ecologia di gennaio 2021

Con l’inizio di questo nuovo anno, mentre i governi europei sono alle prese con la stesura dei piani di ripresa e resilienza da presentare alla Commissione, noi cittadini abbiamo in mente le mille cose che vorremmo riprendere a fare una volta che la pandemia sarà stata domata. Viaggiare, per esempio. E ci piace pensare che lo faremo in treno. Perché ha fascino, è sicuro e soprattutto è il mezzo simbolo della sostenibilità.

I trasporti di merci e persone, scrive Elena Comelli nella storia di copertina, sono responsabili di oltre un quinto delle emissioni globali di gas serra. Di queste il 75% è generato dai veicoli su gomma e soltanto l’1% dalle ferrovie, che consumano appena il 2% dell’energia richiesta dai trasporti. Se si moltiplicheranno i progetti e la realizzazione di locomotive a idrogeno – magari quello “verde”, prodotto con le rinnovabili – il futuro viaggerà davvero sui binari. Non solo nei convogli che collegano le grandi capitali europee, sempre più pieni per effetto del flight shame (vergogna di volare) e della paura di prendere l’aereo in tempi di emergenza sanitaria.

foto di Francesco LoiaconoIl futuro dovrà viaggiare su quelle linee ferrate che portano milioni di persone ogni giorno sul posto di lavoro o di studio.

Il treno dei desideri, insomma, non dovrà lasciare a terra nessuno. Per farlo bisognerà investire molto, soprattutto in un Paese come il nostro, che sconta un grave ritardo nello sviluppo dei mezzi pubblici all’interno delle aree metropolitane, quelle in cui ancora si muore troppo per effetto dello smog. Il Piano di ripresa e resilienza italiano può essere l’occasione per colmare questo ritardo, a patto di definire meglio le timide linee indicate nelle prime bozze circolate a dicembre.

Nella valigia che stiamo preparando per il futuro, suggeriamo di infilare anche qualche grande insegnamento del passato. Per questo abbiamo scelto di ricordare due maestri dell’ambientalismo scientifico che “abitavano il futuro”: Marcello Cini, professore emerito di Fisica alla “Sapienza” di Roma, e Marcello Buiatti, ordinario di Genetica all’Università di Firenze. Come ricorda la professoressa Elena Gagliasso, i due “Marcelli” ci hanno insegnato che la scienza non è mai neutrale. Ma neanche un’opinione.

Francesco Loiacono
Direttore La Nuova Ecologia. Giornalista ambientale autore di inchieste su dissesto idrogeologico, inquinamento industriale, bonifiche e amianto. Email: direttore@lanuovaecologia.it Twitter: @francloia

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto