sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

La giusta distanza

Un airone ucciso e appeso a un tondino di ferro con proiettili calibro 12 nel corpo. È il macabro ritrovamento avvenuto sul Gargano poche ore prima di mandare in stampa questo numero. L’ostentazione di animali uccisi è una vile abitudine di chi vuol marcare con arroganza la propria presenza sul territorio. Una brutta fine che spesso tocca ai lupi, protagonisti insieme agli orsi della nostra storia di copertina. La presenza dei due grandi carnivori, possibile in Italia grazie a tanti uomini impegnati nei programmi di tutela, come scrive Giulia Assogna, ha impatti positivi sulla biodiversità, fa bene alle altre specie e all’equilibrio degli ecosistemi.

foto di Francesco Loiacono
Francesco Loiacono

Il lupo cattivo siamo noi.
Schiacciamo tutte le altre specie sul pianeta, dimenticando di essere parte del tutto

I numeri dicono che lupi e orsi non attaccano l’uomo, se non nei casi in cui è questo ad avere comportamenti “scomposti”. Eppure sono minacciati e in pericolo. Non tanto per via di un immaginario collettivo che i naturalisti ancora non sono riusciti a estirpare, piuttosto per la nostra incapacità di convivere con la natura selvaggia. Nella bella illustrazione di Andrea Calisi in copertina, l’uomo e i due animali si guardano come a ricercare la giusta distanza, per trovare un equilibrio. Ma chi è il vero predatore?

L’uomo veste sempre più i panni del “cattivo” e schiaccia l’esistenza di tutte le altre specie sul pianeta. Fino a schiacciarsi da solo. La pandemia è “una conseguenza della nostra irresponsabilità verso la natura” dice a Nuova Ecologia Filelfo, il misterioso autore del caso letterario “L’assemblea degli animali”. Nel libro, ricco di citazioni del pensiero occidentale e orientale, gli animali decidono di mandare un monito agli umani in modo che imparino dalla sciagura di essere parte del tutto. “Chi dimentica la cultura – confida Filelfo nell’intervista concessa a Luca Cirese – non può che finire col dimenticare anche la natura, sua prima musa e fonte di ispirazione”.

La natura non ha soltanto ispirato Max Casacci, intervistato da Fabio Dessì, ma ha dato qualcosa di più al suo ultimo disco, qualcosa di stupefacente. Per la sua sinfonia della Terra, “Earthphonia”, il fondatore dei Subsonica ha infatti esclusivamente manipolato i suoni dell’ambiente per ricavarne otto brani che ci portano dentro i rispettivi ecosistemi. Immersi nella natura, con tutti i sensi, possiamo dunque riconoscere la giusta distanza, in cui vivere e svolgere le nostre attività produttive, fra noi e ciò che è selvatico.

Leggi anche
Uomini e predatori. La Nuova Ecologia di febbraio

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Francesco Loiacono
Direttore La Nuova Ecologia. Giornalista ambientale autore di inchieste su dissesto idrogeologico, inquinamento industriale, bonifiche e amianto. Email: direttore@lanuovaecologia.it Twitter: @francloia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto