Ecosistema urbano 2019: le prime città in classifica

Dopo Trento, Mantova e Bolzano ci sono Pordenone e Parma. Sotto osservazione, tra gli altri, inquinamento dell’aria, rete idrica, raccolta differenziata e trasporto pubblico

foto di Mantova, Piazza delle Erbe

Se state cercando di cambiare vita e città sicuramente  Ecosistema urbano potrebbe essere un buon indicatore.Ecco qui le prime cinque città in classifica per le performane ambientali.

Trento, come tutte le città in testa, poteva contare già su buone performance complessive, deve il suo balzo in testa principalmente al miglioramento registrato nei tre parametri della qualità dell’aria, a una leggera crescita dei viaggi degli abitanti sul trasporto pubblico e all’aumento dell’attenzione alla mobilità ciclabile.

Mantova, prima lo scorso anno, conferma ottime performance generali. Contiene lievemente da un anno all’altro concentrazioni di polveri sottili e giorni di superamento dell’ozono e abbatte ulteriormente le perdite della rete idrica.

Bolzano, da tempo protagonista di performance buone e ottime, migliora il punteggio complessivo. Cala il biossido di azoto e si riducono sensibilmente i giorni di allarme ozono (da 39 del 2017 agli attuali 25), resta al 66,5% la raccolta differenziata dei rifiuti, ma aumenta la produzione pro capite, migliora il trasporto pubblico.

Pordenone è quarta (era sesta lo scorso anno) principalmente per un miglioramento nei tre indici legati all’inquinamento atmosferico, ai passeggeri trasportati dal Tpl e a una sostanziale conferma dell’ottima percentuale di rifiuti raccolti in modo differenziato (sfiora l’85%) e per essere la città che – più di tutte – contiene le perdite della rete idropotabile.

Parma è quinta ed è l’unica delle prime dieci città che cala nel punteggio complessivo. Infatti pur migliorando leggermente nelle performance legate agli inquinanti atmosferici, resta sostanzialmente ferma per quel che concerne i numeri legati a trasporto pubblico, isole pedonali e ciclabilità.